Volterra, manifestazione per difendere la sanità

Echi solidali a Volterra per difendere la sanità. Manifestazione e alte adesioni.

Il sindaco Buselli dichiara: «Il livello di complessità del nostro presidio deve rimanere all’altezza, come dimostrano i recenti casi in cui è stata salvata la vita a persone con interventi in urgenza»

Hanno aderito tramite una manifestazione pubblica anche Emergency, Giusti Consumi, Movimento Shalom Onlus ed il Comitato regionale emergenza sanitaria Toscana, rappresentante dodici realtà toscane di aree disagiate, insulari e montane.

Nel caso in cui mancassero risposte chiare da parte dell’Asl sull’ipotesi di chiusura della chirurgia e dell’ortopedia il fine settimana, connessa alla tematica delle urgenze, sui problemi della zona, ma anche sulle criticità pediatriche, relative al terzo pediatra mancante. Hanno già dato il loro assenso a partecipare Cgil, l’Anpi di Volterra, l’Associazione Difendiamo l’Ospedale, Sos Volterra ed il Comitato Difesa Val di Cecina.

«Ho scritto anche al Difensore Civico regionale, informandolo della situazione riguardo alle criticità di carattere pediatrico, ma non escludo di coinvolgere l’istituzione regionale anche riguardo agli aspetti relativi all’applicazione della Balduzzi – dichiara il sindaco di Volterra Marco Buselli -. Il livello di complessità del nostro presidio deve rimanere all’altezza, come dimostrano i recenti casi in cui è stata salvata la vita a persone con interventi in urgenza. I Consiglieri regionali di ogni schieramento prendano una posizione chiara e non equivoca su questo, perchè su un argomento del genere la gente li saprà giudicare. Un plauso alla posizione chiara della Cgil sul tema; siamo disponibili da subito a condividere con loro una proposta, nel caso ci siano le condizioni per approvarla».

 

 

By