Volterra, boom di visite nei musei nelle festività Pasquali

VOLTERRA – I primi quattro mesi del 2015 i musei volterrani hanno fatto registrare 11903 visitatori in più rispetto allo stesso periodo del 2014 (+109,42%).

StemmaComune volterra

Pasqua con migliaia di visitatori a Volterra dove i musei hanno fatto registrare 7805 visite in quattro giorni di festa. Acropoli, Pinacoteca, Museo Guarnacci, la Torre Campanaria di Palazzo dei Priori, e la new entry Torre Toscano hanno affascinato turisti e visitatori con il Museo etrusco a far la parte del leone con 2778 visitatori. Nel dettaglio, secondo quanto rilevato dal Sistema museale volterrano, i primi quattro mesi del 2015 i musei volterrani hanno fatto registrare 11903 visitatori in più rispetto allo stesso periodo del 2014 (+109,42%).

«Sono davvero entusiasta di questo risultato – dichiara l’assessore alla cultura del Comune di Volterra Alessia Dei -. Abbiamo lavorato molto affinchè per le festività pasquali tutto andasse bene, nonostante le condizioni meteo avverse. E i numeri ripagano l’impegno di tutti coloro che hanno lavorato, a vari livelli ed in diversi ambiti, per il funzionamento di ogni più piccolo particolare». «Voglio ringraziare tutti gli operatori che in questi giorni hanno lavorato senza sosta per accogliere chi era in visita nella nostra città – aggiunge l’assessore al turismo Gianni Baruffa -. Questa è la strada giusta. E alla luce di questi risultati vorrei sollecitare quei negozi rimasti chiusi, chiedendo uno sforzo in più per stare aperti».

Visitatori in costante aumento in tutti i musei con il museo etrusco che fa registrare 3112 visitatori in più pari al 55,32% e la Pinacoteca 3205 pari al 130,02% in più rispetto all’anno scorso. L’Acropoli con i suoi 1626 visitatori in più fa registrare un aumento del 478,24% di presenze. Bene anche Palazzo dei Priori con 2905 visitatori in più (+148,14%) e il Teatro Romano (2905 visitatori in più pari a +216,63%). «Risultati come questi ci spronano a continuare con ancora più energia – concludono gli assessori Dei e Baruffa – per la promozione di una città così importante come Volterra in grado di mettersi sempre in gioco. I numeri di questi primi mesi dell’anno hanno confermato come la nostra sia una città viva, conosciuta e molto amata in Italia e nel mondo».

By