Urso ed Ebagua, quando il gol arriva dalla panchina

VICENZA – La vittoria dei biancorossi contro il Pisa è stata decisa da due giocatori subentrati a partita in corsa. Francesco Urso che ha trasformato il rigore del 2-1 al 93′ ha rilevato al 34′ l’infortunato Gucher, mentre Osarimem Ebagua, al rientro dopo un lungo infortunio ha fatto il suo ingresso in campo al 70′ al posto di un evanescente Bellomo.

di Maurizio Ficeli

“Sono molto contento per il gol e per la vittoria soffertissima – dice a fine gara Francesco Urso – Era importante vincere ma che il rigore l’abbia battuto io è solo un dettaglio. Pucino è il rigorista, non era in campo e quindi ho sentito la responsabilità e sono andato a batterlo. Ci mettiamo sempre qualcosa in più quando rimaniamo in 10. Sono convinto che dopo questa vittoria possa iniziare una seconda parte di stagione veramente importante”. Sul rigore spiega: “Avevo deciso di guardare Ujkani, ho visto che rimaneva fermo ma dopo un passo ho deciso di alzarla dalla palla un po’ opposta senza stravolgere la mia idea di partenza”.

A trovare il gol del pareggio a quattro minuti dal 90′ è stato Osarimem Ebagua: “Non sto bene purtroppo lo staff mi ha detto che dovrei stare fermo altri 7/10 giorni, il mister però aveva bisogno di me e ho voluto rispondere presente. Non penso che con me in campo sia cambiato così tanto, penso che il vero cambiamento sia dovuto alla forza del gruppo. Nell’occasione del gol sono stato bravo e fortunato: mi sono inserito nello spazio sapendo il movimento del difensore ma poi l’angolino trovato è stata fortuna”.

Le parole di Urso ed Ebagua sono tratte da www.biancorossi.net

By