Uniti per Calci: “Solo nove proposte progettuali per la nuova scuola media”

CALCI – Nonostante i proclami del Sindaco Alessandro Ghimenti e della sua Giunta sulla realizzazione della nuova scuola media la situazione rimane alquanto incerta e confusa e sul piano finanziario assai preoccupante. Atti alla mano facciamo un po’ di chiarezza e qualche conto.

Il 31 gennaio sono scaduti i termini del bando per la presentazione dei progetti per la nuova scuola media, che dovrebbe sorgere nell’area adiacente al supermercato Coop. Il bando pubblicato il 19.12.2016 a ridosso delle festività natalizie, fissava in 30 giorni il termine per la presentazione delle proposte progettuali ma, dopo pochi giorni, con un’apposita determina, la n.1 del 02.01.2017, veniva improvvisamente prorogato il termine di scadenza, posticipandolo di ulteriori 10 giorni, con motivazioni alquanto fumose. La verità saltava fuori quando ci veniva consegnata una nuova ed infuocata lettera dell’Ordine degli Architetti, inviata alla Giunta Ghimenti in data 23.12.2016 nella quale si manifestavano perplessità sulla tempistica troppo breve per redigere i progetti.

La constatazione che sono state presentate solamente 9 (nove) proposte progettuali dimostra che, sia il gruppo consiliare Uniti per Calci, sia l’Ordine degli Architetti, avevano ragione nel credere che per redigere un così importante progetto necessitava più tempo. Nove progetti per un importo lavori così alto sono infatti, di questi tempi, veramente pochi. Nonostante la Giunta Ghimenti stia proseguendo l’iter della progettazione, non ha la ben che minima idea di come portare avanti il progetto, infatti il Sindaco ha dichiarato che sono ancora in corso le verifiche economiche.

Ma come! A tre mesi dalla scadenza del bando INAIL non è ancora chiaro come pagare il nuovo complesso scolastico?
Infatti non è ancora definito se verrà pagato un affitto perpetuo, senza mai diventare proprietari del complesso scolastico o verrà riscattato totalmente mediante la formula del rent to buy.
L’impatto per la cittadinanza sarà comunque altissimo!
Noi di Uniti per Calci abbiamo sviluppato il piano economico sulle linee guida dettate da INAIL e quello che esce fuori è un quadro sconcertante:

1^ IPOTESI – AFFITTO PERPETUO (la proprietà sarà sempre di INAIL)
Primo contratto di locazione minimo 18 anni al canone del 3% sul costo dell’opera
Costo opera € 3.800.000,00
Rata annua per i primi 18 anni € 114.000,00 oltre rivalutazione ISTAT e maggiorazione EURIBOR
Rata annua dopo 18 anni da ristabilire, presumibilmente da € 140.000 in su!
Il Comune dovrà pagare un affitto per sempre e la scuola resterà di proprietà INAIL!!

2^ IPOTESI – AFFITTO CON RISCATTO (RENT TU BUY)
Contratto di locazione 30 anni al canone del 3% sul costo dell’opera
Costo opera € 3.800.000,00
Rata annua per locazione € 114.000,00 oltre rivalutazione ISTAT e maggiorazione EURIBOR
Rata annua per riscatto € 126.666,67 (3.800.000/30) oltre rivalutazione ISTAT
TOTALE RATA ANNUA (locazione+riscatto) € 240.666,67 oltre rivalutazione ISTAT e maggiorazione EURIBOR
COSTO TOTALE della SCUOLA MEDIA € 8.000.000,00 circa compreso rivalutazione ISTAT e maggiorazione EURIBOR

Al Comune di Calci la nuova scuola media costerà la cifra spropositata di quasi 8 milioni di €, più del doppio del costo dell’opera, di quanto messo a preventivo e di quanto dichiarato ai cittadini!!

Il Comune di Calci, inoltre, si farà carico della manutenzione ordinaria e degli eventuali adeguamenti normativi in materia di edilizia scolastica. INAIL rimarrà garante della manutenzione straordinaria ma ci chiediamo:
Quando si renderà necessaria verrà fatta? e con quali tempi?
Non dimentichiamoci, inoltre, che alle cifre sopra esposte vanno aggiunti gli appalti per la realizzazione delle opere di urbanizzazione (strade, fognatura, illuminazione, servizi), stimate in Euro 400 mila e per la costruzione di un nuovo parcheggio, adiacente all’area COOP, al costo di 300 mila Euro!!

E la “Giunta Pisano” che fine farà? Il Sindaco Ghimenti non ha ancora minimamente programmato cosa farne: rimarrà uno scheletro inutilizzato, fatiscente ed insicuro nel bel mezzo del Paese? Verrà ristrutturato ed a quali costi? Eventualmente con quale destinazione?
L’Ordine del Giorno della maggioranza né è la lampante dimostrazione.

La nuova scuola media ci costerà quindi più degli 8 milioni di € sopra calcolati!!

Abbiamo chiesto più volte delucidazioni al primo cittadino ma al momento non abbiamo avuto risposte esaustive, in quanto il Sindaco Ghimenti e la sua Giunta continuano a brancolare nel buio più completo, senza minimamente preoccuparsi che in futuro i calcesani si ritroveranno a dover fare i conti con questa scelta politica scellerata.
Come fa il Sindaco Ghimenti a dichiarare che il progetto sarà economicamente sostenibile quando si pagherà il doppio del prezzo per la sua realizzazione e acquisizione e quando ci saranno da realizzare le infrastrutture necessarie (strade, parcheggi, illuminazione, fognature, verde, ecc.) con ulteriore esborso per i calcesani?
Secondo noi spendere 1 milione di euro è più economico che spenderne 8 e oltre!!!!!
Altro che patto di stabilità! Questa scelta è un patto con il diavolo!!!

A conti fatti, il Comune di Calci, grazie all’incapacità gestionale del Sindaco Ghimenti, navigherà, nel prossimo futuro, in una condizione economica disastrosa non lasciando alcun margine di manovra sui capitoli di bilancio. Con questo gravoso impegno economico ci possiamo scordare ritocchi e/o riduzioni sulla pressione fiscale e sui costi dei servizi. Sarà praticamente impossibile pianificare ulteriori interventi sul territorio e sulle infrastrutture esistenti.

CHIEDIAMO A GRAN VOCE UN NUOVO INCONTRO PUBBLICO, APERTO ALLA CITTADINANZA, AFFINCHE’ SI FACCIA LUCE UNA VOLTA PER TUTTE SULLA VICENDA SCUOLA MEDIA.

Il Gruppo Consiliare Uniti per Calci

Paolo Lazzerini, Giulio Messerini, Valter Mignani e Maila Mangini

By