Tie break fatale per le gialloblu contro Elsa Sport

PISA – Questa sconfitta casalinga pesa sul morale delle ragazze più che sulla classifica. Primi due set che vanno in favore dell’Elsa Sport. Primo parziale decisamente netto, mentre nel secondo set le gialloblu non riescono a vincere nonostante un set in bilico per larghi tratti, complici alcune sviste arbitrali e alcuni errori che danno il 2-0 alle ospiti col risultato di 23-25.

IL RECUPERO – Sul punteggio di 2-0 si parte con il terzo parziale, nel quale le padrone di casa trovano quello smalto mancato all’inizio, ma anche la nuova schiacciatrice Ferrari che in un primo momento si era trovata disorientata. E’ proprio lei ad aiutare le compagne che riprendono fiducia e ritrovano il giusto equilibrio accorciando le distanze con il punteggio di 25 a 20. All’inizio del quarto set la partita si fa più equilibrata, ma le ragazze del Cus ormai non temono più le avversarie e si sentono più tranquille riducendo anche gli errori dei primi set. Loni, ritornata in campo dopo un infortunio, macina punti e mette in difficoltà le avversarie con battute importanti. Il set finisce 25-14 per il Cus.

TIE BREAK – Il clima si fa più calmo e anche il pubblico che temeva il peggio applaude alle proprie ragazze con grande veemenza. Purtroppo il quinto set decisivo inizia male per le padrone di casa che si trovano al cambio di campo sotto di 8-3. Le ragazze, comunque, dopo un primo sbandamento reagiscono e lottano stimolate dal pubblico. Si arriva sul punteggio di 10- 12 e le gialloblu di Bigicchi credono ancora a un ribaltamento. Purtroppo un episodio condiziona le giovani del Cus che non riescono più a reagire e soccombono 10-15 perdendo anche la partita.

CUS PISA VOLLEY-ELSASPORT VOLLEY 2-3
ParzialI: (17-25; 23-25; 25-20; 25-14; 11-15)
CUS PISA: Masotti, Piozzi, Loni, Grassi, Macchioni, Paolini, Casarosa, Aprea, D’Andrea, Rosellini, Ferrari 1° allenatore: Bigicchi, 2° allenatore: Silvestri, dirigente: Testi
I punti sono stati realizzati da: Masotti 1, Loni 17, Paolini 17, Casarosa 9, Ferrari 8, D’Andrea 13.

By