Sequestrati 800 farmaci illegali all’aeroporto di Pisa

PISA – Nel corso dell’attività di contrasto dei traffici illeciti in ambito aeroportuale, i funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli (ADM) di Pisa e i militari della Guardia di Finanza di Pisa hanno sequestrato presso lo scalo “Galileo Galilei” un pacco contenente 53 scatole di farmaci illegali provenienti da Hong Kong e diretti a un soggetto quarantenne di nazionalità cinese residente a Prato.

I prodotti medicinali, in totale 424 compresse, erano accompagnati da un foglio illustrativo riportante ideogrammi in lingua cinese, che rendevano incomprensibile l’applicazione
terapeutica e soprattutto la composizione farmacologica. I farmaci in questione sono stati sottoposti a specifiche analisi da parte dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), che hanno consentito di accertare che si trattava di un composto proteico biologico concentrato e raffinato, contenente sangue di cervo, utilizzato per combattere l’impotenza. Le compresse, la cui importazione e commercializzazione è vietata sul territorio italiano, come stabilito dall’Agenzia Italiana del Farmaco, sarebbero state vendute sul mercato, anche
tramite siti on-line, a un prezzo tra i 20 e i 50 euro.

Le successive indagini di polizia giudiziaria, condotte dalle Fiamme Gialle in collaborazione con l’Agenzia Dogane e Monopoli, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Pisa, hanno portato alla perquisizione del domicilio e di un magazzino a Prato nella disponibilità del soggetto cinese, ove sono state rinvenute e sequestrate ulteriori 250 compresse unitamente a 143 creme e lozioni utilizzate come farmaci vasodilatatori. Il soggetto è stato denunciato alla locale Autorità Giudiziaria per importazione di farmaci non autorizzati e relativo commercio.

By