San Giusto, una nuova rotatoria collegherà Via Asmara con l’altra parte del Quartiere

PISA – Nessun problema per raggiungere il centro cittadino attraverso San Giusto per gli abitanti delle vie Sant’Agostino sud e Asmara, neppure dopo la conclusione dei lavori alla nuova viabilità del quartiere collegati alla realizzazione del “Pisa Mover”.

Il chiarimento è arrivato ieri pomeriggio nel corso dell’assemblea pubblica convocata nella sala conferenze del “Galilei” per fare il punto, oltrechè sui lavori per realizzare la navetta elettrica superveloce stazione-aeroporto, anche sugli interventi alla pista per ridurre l’inquinamento acustico sulla città e sulla proposta di realizzare una cittadella aeroportuale comprendente pure un moderno palazzo dei congressi nei terreni vicino a via Asmara. Una precisazione utilissima dato che la notizia, vera, della chiusura di via Sant’Agostino nord all’altezza dell’attuale passaggio a livello (già non più funzionante e che sarà rimosso dato che in quel punto il tracciato della navetta sarà sopraelevato) aveva fatto pensare, erroneamente, a tanti residenti nelle due strade di essere rimasti bloccati dall’altra parte del sedime ferroviario e impossibilitati a raggiungere il centro cittadino.

“Non è assolutamente così – ha chiarito l’amministratore unico di Pisamo Alessandro Fiorindi -: fra le nuove opere di cui beneficerà il quartiere, infatti, c’è anche una nuova strada che, da via Pardi, condurrà fino ai parcheggi scambiatori lungo l’Aurelia, collegando fra loro le vie Sant’Agostino e di Goletta e tre nuove rotatorie, una delle quali sarà realizzata proprio all’incrocio fra le vie Pardi, Piazzale D’Ascanio e la nuova strada per i parcheggi. E chi arriva da via Sant’Agostino sud s’immetterà direttamente in questa nuova rotatoria e poi potrà decidere se proseguire sulla nuova strada, raggiungendo il centro attraverso via di Goletta, oppure continuare in via Pardi arrivando in città tramite via dell’Aeroporto”.

Il punto sui lavori alla pista, invece, lo ha fatto l’ingegner Pasquale Tirotta, direttore tecnico del “Galilei”, intervenuto insieme all’amministratrice delegata Gina Giani, all’assessore comunale all’urbanistica Ylenia Zambito e al sindaco Marco Filippeschi. “I lavori inizieranno a giugno – ha spiegato Tirotta – e riguarderanno la sostituzione di tutti i corpi luce lungo le piste, la riqualificazione della pavimentazione e soprattutto la realizzazione di un raccordo fra le due piste che consentirà agli aerei di in decollo di sorvolare la città ad una quota molto più elevata di quella attuale, cosa che permetterà di ridurre significativamente l’impatto acustico sulla città”.

Confermata, infine, da parte del primo cittadino, la volontà “di costituire un comitato di cittadini del quartiere, e in particolare della zona interessata da questi cantieri, con cui discutere sia i lavori d’imminente inizio per quel che riguarda Pisamover e pista dell’aeroporto, che per accompagnare la riflessione sulla variante e sugli altri strumenti urbanistici per, eventualmente, arrivare alla previsione della cittadella aeroportuale”.

20140325-211319.jpg

By