Rapina in Villa, tre arresti da parte dei Carabinieri

PISA – Furti e rapine in villa, sono tre gli arresti dei Carabinieri dopo una fondamentale la segnalazione al 112. Week-end movimentato quello appena trascorso dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Pisa.

Nell’ambito del rafforzamento dei servizi di controllo del territorio attuato dalla Compagnia di Pisa al fine di porre un freno al fenomeno dei furti e rapine in abitazione e dei furti in genere, 3 sono state le persone tratte in arresto in flagranza di reato per furto. Ad essere presi di mira abitazioni e esercizi commerciali. Il primo arresto dei militari del Nucleo Radiomobile è maturato la notte di venerdì, quando un equipaggio sulla gazzella ha incrociato un motociclo con due persone a bordo che ha insospettito i militari. Appena affiancato il mezzo e intimato l’alt, i due hanno accelerato tentando la fuga. E’ stato ingaggiato un prolungato inseguimento con i due fuggitivi lanciati in una corsa spericolata nella zona di Porta a Mare, a Pisa. La tenacia dei Carabinieri ha consentito di non farsi seminare dai due che sono stati raggiunti sulle rive dell’argine dell’Arno nel quartiere C.E.P., dove un tunisino è stato bloccato dopo una colluttazione, mentre l’altro è riuscito a darsi alla fuga nell’oscurità. Il motorino, risultato rubato, è stato restituito al legittimo proprietario. Di spessore il curriculum criminale del soggetto: numerose condanne, un’espulsione eseguita in passato con accompagnamento in Tunisia, almeno una quindicina di alias e interminabili le denunce a suo carico. Arrestato per resistenza e sottoposto il giorno successivo al rito direttissimo, è stato condannato a sei mesi di reclusione, pena sospesa. Il secondo arresto è maturato sempre nella zona di Porta a Mare, in via delle Lenze, la notte di sabato. Ad operare sempre le pattuglie del Nucleo Radiomobile, intervenute in zona a seguito della segnalazione al 112 da parte di privati cittadini che indicava la presenza in zona di persone sospette. Nel mentre le gazzelle si portavano sul posto giungeva la comunicazione via radio che un vicino di casa di un’abitazione dove era stato consumato un furto, aveva sorpreso i ladri mentre cercavano di allontanarsi. Con audacia l’uomo ha bloccato uno dei malviventi mentre gli altri due sono riusciti ad allontanarsi. Immediatamente è stato raggiunto dai militari che hanno ammanettato il ladro prendendolo in consegna. Il malfattore, successivamente identificato è risultato essere N.A., di 22 anni, cittadino albanese. A seguito della perquisizione personale i Carabinieri hanno rinvenuto numerosi monili in oro e oggetti vari risalendo in poco tempo ai proprietari. In poco più di un’ora, infatti, l’uomo aveva consumato un furto in abitazione e quattro furti su autovettura. La giovane età nascondeva, anche in questo caso, una carriera criminale assolutamente promettente: denunciato una quindicina di volte per furto, evasione e altri reati, arrestato già in passato diverse volte, condannato, eppure sempre a “lavoro”. Per lui si sono nuovamente aperte le porte del Don Bosco. Il terzo arresto è scattato nei confronti di un cittadino georgiano fermato dinanzi alla COIN di Corso Italia dopo che aveva rubato alcune confezioni di profumo cercando di eludere la sorveglianza servendosi di una borsa schermata. Immediato l’intervento della pattuglia del Nucleo Radiomobile che ha tratto in arresto il giovane e riconsegnato la merce al titolare dell’esercizio commerciale. Fondamentale negli ultimi due episodi la segnalazione al 112 da parte dei privati cittadini, che ha consentito, anche nel caso di semplici sospetti su persone o veicoli che si aggiravano con fare circospetto, d’intervenire con prontezza e cogliere sul fatto gli autori dei reati. L’invito, pertanto, rivolto ai cittadini è quello di segnalare senza indugio qualsiasi situazione che possa aver destato sospetto.

Fonte: Comando Provinciale Carabinieri Pisa

20140303-015646.jpg

You may also like

By