Quattro multe da quasi settemila euro per vendita di alcolici dopo le 24

PISA – Con la primavera alle porte, si ripresenta il problema “movida“ con fiumi di birra che si riversano per le strade del centro cittadino con le note conseguenze. L’alcol viene smerciato a basso prezzo fino all’alba da pubblici esercizi di vicinato, indifferenti alla normativa nazionale in vigore dal 2007, che vieta la vendita per asporto di bevande alcoliche dalle ore 24.00 alle ore 06.00 di ogni giorno dell’anno.

Anche questa notte (ieri, ndr) migliaia di giovani affollavano il centro storico oltre la mezzanotte impugnando la classica bottiglietta marrone e centinaia di clienti si accalcavano alle casse dei minimarket che ormai, complice la nota liberalizzazione, stanno invadendo le vie cittadine, decretando la morte dei vecchi e storici esercizi commerciali del centro. La Polizia Municipale ha così impegnato dieci uomini in abiti civili che, visitando uno ad uno i punti vendita hanno potuto accertare e reprimere il fenomeno dello spaccio di alcol in orario notturno. Piazza delle Vettovaglie, via Ulisse Dini, via San Bernardo, via Carducci e lungarno Mediceo gli obbiettivi delle pattuglie. Identificati i clienti, sono state immediatamente contestate ai titolari dei punti vendita ben quattro sanzioni da 6.667 euro ciascuna (quanto previsto dalla normativa) e due di loro verranno segnalati alla Guardia di Finanza per non avere neppure emesso lo scontrino fiscale. Nelle prossime settimane i controlli verranno ripetuti ed estesi anche ad ulteriori esercizi commerciali. Un’attenzione particolare sarà dedicata anche ai venditori abusivi che affollano piazza Cavalieri con secchio e ghiacciaia, già oggetto di innumerevoli sequestri nei mesi passati ad opera degli uomini di via Cesare Battisti.

multe alcol

You may also like

By