Pisa nel futuro con l’inaugurazione del People Mover

PISA – Alla presenza del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Del Rio, nonché del Vicepresidente del Parlamento Europeo e Membro della Commissione Trasporti e Turismo, Davide Sassoli, si è svolta stamattina la cerimonia di inaugurazione del “People Mover”, la navetta che renderà più agevoli i collegamenti tra la Stazione ferroviaria Centrale e l’Aeroporto Galilei in un”ottica di potenziamento della struttura aeroportuale della nostra città.

di Giovanni Manenti
(Fotoservizio di Roberto Cappello)
Ad introdurre l’evento è il Presidente di Pisamo, Fabrizio Cerri, il quale evidenzia come  …. “si sia partiti con un accordo tra molte istituzioni, Comune, Provincia, Regione, FF.SS. e Toscana Aeroporti, per progettare, costruire e poi gestire il People Mover, una iniziativa innovativa che porta indiscutibili vantaggi in termini di interazione tra ferrovie ed aeroporto, con la costituzione di due ampi parcheggi ad area videosorvegliata, facilitazioni anche per quanto attiene alle relative tariffe, che prevedono sconti in caso di fruizione anche del servizio “parking”, oltre ad un sistema di “car pooling” e l’inserimento nel programma “Pegaso” della Regione Toscana“. “Un particolare motivo di soddisfazione“, prosegue Cerri, “deriva dal rispetto dei tempi previsti pere il compimento dei lavori, avvenuto in circa 600 giorni, creando opportunità di lavoro per moltissime aziende, di cui il 30% con sede nella nostra Regione, per un costo complessivo di 72 milioni di €uro, per una quota di 21 milioni coperti con finanziamento europeo che, in risposta ad alcune polemiche sorte al riguardo, preciso che poteva avere come destinazione solo la realizzazione di infrastrutture, limitando, nel rendiconto finale, ad un modesto 5% l’incremento dei costi.” “Ci aspettiamo“, conclude il Presidente di Pisamo, “che circa un milione di utenti passino dall’utilizzo di autovetture alla rete ferroviaria per i loro spostamenti, con ciò valorizzando altresì i benefici di cui ha potuto usufruire il quartiere di San Giusto con la creazione di nuove rotatorie, eliminazione di passaggi a livello, una nuova pista ciclabile ed altri interventi di riqualificazione, il tutto grazie a coloro che sin da subito e per tutta la durata della relativa realizzazione, hanno creduto nel progetto“.
 Non può che essere ovviamente soddisfatto il Sindaco Marco Filippeschi, che nel suo intervento non può che …..”ringraziare il Ministro Del Rio, nonché l’europarlamentare Sassoli ed il Presidente Regionale Rossi per la loro presenza, a testimonianza sia della validità che dell’importanza del progetto, di cui ho ben nitido il ricordo di quando presentai personalmente a Bruxelles il nostro “master plan” che conteneva l’idea di un “people mover” per favorire i collegamenti tra la Stazione Centrale e l’Aeroporto, di cui oggi posso dire di essere orgoglioso per l’avvenuta realizzazione nei tempi e con i costi previsti, il che conferma, contrariamente a chi storce la bocca avendo riferimento alla Comunità europea, come la stessa sia un veicolo importante quanto a finanziamenti se si propongono progetti validi“. “Noi però non ci fermiamo“, prosegue il primo cittadino, “in quanto oggi si chiude una pagina importante, ma se ne devono aprire subito altre, abbiamo ancora importanti idee per quanto attiene anche ai collegamenti urbani, in specie per favorire l’accesso all’Ospedale di Cisanello, ma, per restare all’odierno evento, il People Mover consente alla Pisa di fare un ulteriore salto di qualità, anche perché realizzato in una città che è la prima a livello regionale per accessi esterni a carattere giornaliero, circa il 60% dei residenti, basti pensare ai 50mila iscritti all’Università, ad un Aeroporto con un flusso annuo di oltre cinque milioni ed una Unità Ospedaliera che accoglie circa sei milioni di pazienti nell’arco dei dodici mesi, circostanza questa che ci auguriamo possa essere un volano di crescita per altre realtà cittadine, visto che posso assicurare come l’esecuzione di un’opera come questa ha anche dei ritorni in termini di professionalità“. “Voglio infine evidenziare“, conclude Filippeschi, “come Pisa si collochi sempre più come importante snodo a livello regionale, vista la concentrazione in poche centinaia di metri di strutture stradali, ferroviarie ed aeree, e su questo faccio un appello a FF.SS. e Toscana Aeroporti affinché l’iniziativa odierna venga opportunamente promossa e promulgata, come fornisco assicurazione in tal senso da parte dell’Amministrazione Comunale, nella speranza che si possa quanto prima assistere all’auspicato potenziamento della linea ferroviaria tra Firenze e Pisa, nonché alla modernizzazione della Stazione Centrale, in modo che la giornata odierna venga ricordata come una tappa verso il futuro da parte di una città che non si è arresa alla crisi“.
 Sul tema dei collegamenti ferroviari, e non solo, prende la parola il Presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, il quale sottolinea come ….”il People Mover sia un’opera sulla quale la Regione ha dato un contributo. andando anche a sbloccare fondi europei, in un  segno di modernità, cui seguiranno altri interventi a Pisa come l’investimento di 40 milioni di euro nell’aerostazione, che conferma il ruolo strategico di Pisa nelle infrastrutture“. Rossi parla anche della situazione delle Ferrovie: “Sono migliorate, adesso ci sono treni nuovi e più veloci, con l’intenzione di vedere se, parlando con FF.SS, in futuro ce la faremo a far coincidere gli orari dei treni con gli aerei, per un progetto aeroportuale, che se ci si pensa bene ci fa ritornare un po’ bambini“. “Oltretutto, Il Pisa Mover”, conclude il Presidente Regionale”, “non solo velocizzerà il collegamento tra le due infrastrutture centrali nel sistema toscano della mobilità, ma con l’utilizzo di una trazione a fune abbatterà le emissioni di polveri sottili e anidride carbonica a vantaggio dell’ambiente e di tutta la collettività, ed inoltre. grazie ai collegamenti ferroviari tra Firenze e Pisa, finalmente il sistema aeroportuale toscano assume le sembianze di un moderno hub europeo, utile non solo per il turismo ma anche per lo sviluppo, soprattutto per quanto riguarda la costa, per la quale la Regione sta facendo forti investimenti, come sul porto di Livorno dove è stato realizzato il collegamento con la linea ferroviaria tirrenica e dove presto inizieranno i lavori per il collegamento con l’interporto, iniziando a raccogliere i frutti del lavoro svolto in questi anni”.
Particolarmente significativo l’intervento di David Sassoli, Vicepresidente del Parlamento europeo, il quale ha posto l’accento sul fatto che … “questa opera, per la quale vi faccio i miei complimenti, mi piace pensare che possa essere di stimolo per altre realtà nazionali, sfruttando anche i finanziamenti europei, ma non vorrei anche pensare che dette realtà stiano rischiando di essere emarginate qualora non si pongano al passo con i tempi, poiché molte Regioni del nostro Paese sono ancora assai indietro quanto ad infrastrutture, e ciò rappresenta un male, non solo per l’Italia, ma anche per l’Europa intera ed oggi dobbiamo dire che, da una parte, vi sono modelli da prendere ad esempio, e, viceversa dall’altra, c’è ancora qualcuno cui non piace sentirsi dire di no da parte di frange di opposizione al modernismo ed in questo caso faccio appello al senso civico e di responsabilità dei singoli cittadini“. “Ha ragione il Sindaco“, conclude Sassoli, “quando dichiara di non volersi fermare, giusto pensare ad altri investimenti, Pisa è una “Capitale della cultura” senza bisogni di attestati da parte dell’Unione europea, è la storia che parla per lei, e su questo tema vi anticipo che stiamo lavorando come Comunità europea ad un progetto che colleghi la Spagna, attraverso l’Italia, verso i nuovi paesi dell’est europeo, e quindi ne capirete la centralità del nostro paese e della Toscana e della vostra città in particolare, mentre per restare al tema odierno, questa opera è frutto del lavoro, non dobbiamo mai dimenticarci, come troppo spesso in Italia facciamo, che nel settore ferroviario il nostro paese sia i massimi livelli mondiali, l’alta velocità l’abbiamo inventata noi, non i francesi, anche se loro l’hanno indubbiamente sfruttata meglio“.
 Per ultimo, conclude la cerimonia il Ministro Graziano Del Rio, il quale ha posto l’accento  …. “sull’arretratezza del nostro paese rispetto alle strutture ferrotranviarie, citando ad esempio come in Italia la maggioranza dei 30 milioni di lavoratori si rechino con auto propria rispetto ad una media europea di appena il 30%, ed è pertanto evidente che ciò dipende in parte dalle strutture, poiché ad un miglioramento dell’offerta corrisponde pressoché automaticamente il miglioramento della domanda, come abbiamo avuto modo di verificare in Trentino dove negli ultimi anni vi è stato un incremento del 300% del trasporto pubblico. Chiaramente anche il Governo deve fare la sua parte, abbiamo in programma nei prossimi anni investimenti per 4 miliardi che consentiranno la messa in funzione di 200 nuovi treni, nonché la sostituzione pressoché completa del parco autobus, nel quale nel quinquennio precedente sono stati investiti appena 5 milioni, il tutto per venire incontro alle esigenze dei singoli cittadini che vivono la pendolarità come una problematica quotidiana“.
Nel ricordare che per tutta la prossima settimana il transito sul People Mover da e per l’Aeroporto/Stazione Centrale sarà gratis, non possiamo che dare anche da parte nostra il più caloroso “benvenuto” a questa importante innovazione.
By