Paolo Fontanelli, assieme ad altri deputati dell’Mdp, ha presentato domanda ai Ministri delle infrastrutture

Pisa – L’esordio del nuovo gruppo “Art.1-Movimento Democratici e Progressisti” in aula è avvenuto con una serie di provvedimenti impegnativi.

Diverse le dinamiche dell’esordio: dal riordino della Protezione Civile alla legge sulla tutela del lavoro autonomo imprenditoriale, dalle missioni internazionali fino alle disposizioni per la protezione dei testimoni di giustizia. La linea è stata quella, coerentemente annunciata, di una componente politica della maggioranza, ma con un suo profilo e una sua autonomia.

L’intervento più significativo è stato quello del capogruppo Francesco Laforgia nell’ambito del dibattito sulle comunicazioni del Presidente del Consiglio in ordine alla preparazione del vertice europeo. Nel complesso un lavoro positivo, muovendo da una realtà appena formata sulla base della confluenza di deputati provenienti da due diversi gruppi parlamentari. E per le prossime settimane si annuncia anche qualche nuovo arrivo.

Paolo Fontanelli si esprime in merito, avanzando delle richieste:

“Ma il lavoro più importante è quello da fare sul territorio, dove c’è da organizzare tutto per mettere insieme le persone uscite dal PD con quelle che avevano già abbandonato il partito e recuperarle ad un impegno politico. E in particolare per promuovere il progetto del nuovo Movimento come punto di aggregazione di nuove energie, finalizzato a rilanciare la sinistra e il centrosinistra sulla base di un disegno di effettivo cambiamento economico e sociale del Paese. Discuteremo della proposta di legge sul testamento biologico che da lunedì sarà in discussione alla Camera, è quello che si annuncia non sarà un confronto facile. Per le prossime settimane stiamo programmando iniziative sui temi del lavoro e della legge elettorale. Per il 3 di aprile ho messo insieme, come Questore della Camera, un piccolo convegno sul tema dei partiti e della riforma del sistema politico, raccogliendo le sollecitazioni di un giornalista importante come Ferruccio De Bortoli e mettendole a confronto con più voci. Ci tornerò sopra nei prossimi post, ma intanto vi invito a metterlo in calendario per il pomeriggio di lunedì 3 aprile presso il Palazzo Blu. Ho presentato, insieme ad altri deputati del gruppo Mdp, una interrogazione ai Ministri dell’ambiente e delle infrastrutture sulla questione dell’aeroporto di Firenze. La prima firma è quella della fiorentina Marisa Nicchi. Il motivo della interrogazione è nella richiesta di trasparenza sulle determinazioni della Commissione nazionale di VIA (valutazione ambientale) in ordine all’impatto ambientale della progettata nuova pista di Peretola.

By