Migranti ai fornelli: l’arte della pizza.

Tavarnelle – Esperienza nuova per i profughi di Tavarnelle: l’arte della pizza. Il presidente de La Rampa Anna Canocchi commenta l’iniziativa come “un’esperienza e un’attività”.

Sono molti i progetti messi in campo per favorire l’integrazione, questa una tra tante.

E’ l’iniziativa – spiega l’assessore dell’Unione comunale Giulia Casamonti – con la quale la Misericordia ha messo a disposizione dei migranti alcune biciclette usate, recuperate e risistemate dai detenuti del carcere di Sollicciano, dopo averle acquistate dalla Cooperativa Ulisse”.

Iniziativa da parte del Circolo La Rampa: si tratta di un corso per pizzaioli rivolto ai ragazzi nigeriani, ospiti del Centro di accoglienza di Sambuca, che si sono resi disponibili.

E’ previsto per lunedì 13 Febbraio l’inizio del corso che durerà un mese e vede coinvolti i migranti di Tavarnelle, durante il quale i mastri pizzaioli che insegneranno tecniche e segreti della preparazione e della cottura di uno dei piatti simbolo della cucina italiana saranno gli stessi volontari del circolo La Rampa.

Il sindaco David Baroncelli commenta:“Il percorso di integrazione in favore dei migranti ospiti a Sambuca –  – sta ottenendo risultati significativi e questo grazie al lavoro costante e capillare portato avanti dalla rete di collaborazione attivata con la Misericordia e le altre associazioni di volontariato locale, il nostro intento è quello di rafforzare l’identità di una comunità coesa, responsabile, partecipe, valori che vanno coltivati costantemente”.

By