Martedì 21 marzo la Giornata di Libera contro le mafie. L’intervento del segretario Pd Sonetti

PISA – Martedì 21 marzo, come ogni anno Libera celebra la Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, afferma il segretario provinciale Massimiliano Sonetti.

Quest’anno a livello nazionale si celebrerà a Locri, mentre per la Toscana sarà Prato il centro delle commemorazioni. La mafia è un cancro che colpisce il nostro Paese da molto, troppo tempo. Negli anni ha assunto varie forme: criminalità organizzata armata, terroristica, localizzata, internazionale. La certezza è una sola: la mafia distrugge, qualsiasi metodo acquisisca. Talvolta è palese, talvolta si nasconde dietro i cosiddetti investimenti “puliti”, ma distrugge e uccide sempre. Vorrei fare proprie del Pd pisano le parole del nostro Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: «Lottare contro la mafia è una necessità per tutti, per la propria dignità, per la propria effettiva libertà». Così il Capo della Stato all’incontro di Libera in occasione dell’iniziativa di Locri dove ha incontrato i familiari delle vittime delle mafie. Nel corso della manifestazione sono stati letti i nomi delle vittime innocenti. E sono ormai veramente numerose, insostenibilmente troppe. Dobbiamo essere sempre vigili, per quello che possiamo fare. nel Pd abbiamo personaggi di spicco come Rosy Bindi, presidente della Commissione antimafia alla Camera e Federico Gelli, da sempre sensibile ai temi della legalità, grazie all’impegno in strutture come la Fondazione Caponnetto e come amministratore regionale ed esponente Pd, dove è stato referente per la legalità. E poi un pensiero ai tanti compagni e amici che se ne occupano nei territori, come amministratori e militanti Pd. Dobbiamo dare tutti il nostro contributo. E’ un lavoro difficile che richiede molto tempo. Ma partendo dagli strumenti della legge e da un lavoro socio-culturale, a partire dalle giovanissime generazioni, potremmo avviarci verso tempi migliori.

By