Luca D’Angelo: “Contro il Cittadella sarà una gara a viso aperto”

PISA – Alla vigilia della sfida contro il Cittadella il tecnico nerazzurro Luca D’Angelo fa il punto della situazione.

di Giovanni Manenti

“Credo che le responsabilità delle reti subite sia un problema più di squadra che non del solo reparto difensivo, ragion per cui dovremo stare più attenti del solito anche perché il Cittadella è una formazione che conosce bene la categoria, l’anno scorso ha giocato la Finale dei playoff ed ha un ottimo allenatore, per cui dovremo fare molto bene per cercare di portare a casa un risultato positivo”.


GOL NEL SECONDO TEMPO. “È vero che subiamo reti nella seconda parte della ripresa, dipende dal fatto che con la stanchezza le squadre si allungano ed in questi frangenti dobbiamo essere più concentrati, mentre per l’attacco non sono preoccupato anche se nelle ultime tre trasferte non abbiamo segnato, perché a parte Pescara le occasioni le abbiamo avute e solo per sfortuna non sono state concretizzate”.

SU DI QUINZIO. “Di Quinzio ha avuto la sfortuna di dover stare fermo per due mesi per un infortunio particolare, ma è oramai pienamente recuperato e sono sicuro che già da questa ultima parte del girone di andata e per tutto il ritorno potrà darci una grossa mano”.

SUL VAR. “L’innovazione del VAR anche in Serie B mi trova favorevole, anche se l’applicazione avverrà solo nei Playoff ed io avrei preferito che avvenisse prima, anche se capisco le esigenze tecniche di installazione in tutti gli stadi”.

SULL’AVVERSARIO. “Il Cittadella è una squadra che pratica un gioco molto veloce ed è molto pericolosa nelle ripartenze, e credo che pertanto domenica vedremo una gara meno combattuta dal punto di vista fisico ma più godibile perché disputata a viso aperto, un aspetto dove a mio avviso dobbiamo migliorare soprattutto sul punto dell’autostima e della consapevolezza della nostra forza per potercela giocare ad armi pari contro chiunque, dato che il Campionato quest’anno è più equilibrato del solito e non vi sono squadre imbattibili”.

By