Luca D’Angelo: “Abbiamo una rosa forte. Con il Pordenone gara complicata”

di Giovanni Manenti

A due giorni dalla sfida al Pordenone di lunedì mister Luca D’Angelo parla della sfida ai ramarri secondi in claddifica.

SUL PORDENONE. “Il Pordenone sta facendo benissimo e con grande merito e pertanto sarà una gara molto complicata, la squadra di Tesser punta molto al sodo, verticalizza molto bene, cosa dove forse noi dobbiamo migliorare, mentre invece come struttura anche fisica abbiamo diversi punti in comune. Non credo che il Pordenone si debba valutare come una neopromossa, bensì per la sua attuale posizione che dice che attualmente sarebbe in A, che noi dovremo affrontare convinti dei nostri mezzi per cercare di fare noi la partita”.

ROSA FORTE. “La prestazione dei giocatori che sono scesi in campo a Cittadella mi ha confortato sulla forza della rosa, molti si sono stupiti che abbiano giocato in una gara importante come quella di domenica però io faccio le mie scelte sulla base di come vedo i giocatori in settimana”.

GIOCATORI NON A DISPOSIZIONE. “Per lunedì, oltre a Meroni e Varnier, sono da valutare le condizioni di Izzillo e Di Quinzio”.


BENEDETTI, PINATO E BIRINDELLI. “Su Benedetti apprezzo molto lo spirito con cui si allena e lo considero un difensore molto forte, mentre Birindelli ha recuperato dallo shock dell’espulsione di Livorno. Su Pinato devo ammettere di aver sbagliato io all’inizio nell’accelerare il suo impiego sino a quando non aveva bene assimilato il mio modulo, e va dato merito a lui di essersi messo alla pari con gli altri ed adesso è il Pinato che tutti ci aspettavamo”.

SU PETRONI. “Per la questione riguardante le polemiche che hanno investito in questa settimana Petroni, onestamente non me ne sono interessato, ho visto che c’è un’indagine in corso della Procura Federale e se saranno appurate delle violazioni delle norme sarà sanzionato”.

SULLA CROCE. “Per quel che concerne l’aspetto relativo alla prospettata multa per l’esposizione della bandiera pisana da parte dei tifosi a Cittadella, ho letto il commento del presidente Corrado che sottoscrivo in pieno, confermando infine che rivisto in Tv, l’intervento di Masucci era da rigore e pertanto ha fatto bene l’arbitro a concederlo”.

By