Lorenzo Bambozzi a Pisanews: “In campo per battere il Pisa. Play-off? C’è ancora speranza”

PISA – A poche ore dalla sfida contro il Pisa parla il centrocampista dorico Lorenzo Bambozzi, nato ad Osimo, in provincia di Ancona il 26 luglio 1994. Sentiamo cosa ha detto a Pisanews.

image

Grazie Lorenzo per aver accettato l’invito del nostro portale: presentati,intanto,ai lettori di Pisanews…

“Certo, ho iniziato la mia carriera calcistica, proprio nell’Ancona che poi fallì era il campionato 2010/11. In seguito approdai al Sassuolo, dove sono stato per ben tre anni da dove poi ho fatto ritorno all’Ancona in serie D”.

Come sta andando a livello personale questo campionato in maglia biancorossa?

“All’inizio non avevo trovato molto spazio ma da gennaio in poi la mia situazione è notevolmente migliorata, il mister ha impiegato anche giocatori giovani come me e noi ci siamo sempre fatti trovare pronti”.

Come nella vittoriosa partita di Lucca dove nelle file doriche c’erano diversi giovani. Che gara è stata quella al “Porta Elisa”?

“Quella contro la Lucchese è stata una gara, nella quale noi dell’Ancona siamo scesi in campo per fare la nostra partita e dove per noi giovani è stata l’occasione per dimostrare al Mister il nostro valore. All’inizio abbiamo cercato di contenere la spinta della Lucchese che era notevole ma poi alla lunga abbiamo preso le redini della gara portando il risultato dalla nostra parte”.

E domenica riceverete il Pisa: cosa sai della squadra di Mister Amoroso?

“Il Pisa era una candidata ad andare in B direttamente giocandosela con l’Ascoli poi sicuramente nell’ambiente nerazzurro può esser successo qualcosa e mentre Ascoli ed altre compagini hanno ingranato di piu la marcia andando con pìu continuità di risultati i nerazzurri hanno stentato. E poi c’è questo Teramo che è in pole position per vincere il campionato. Il Pisa non è riuscito a raggiungere l’obiettivo anche se resta una squadra forte con giocatori di livello superiore”.

Giocatori di livello superiore: chi ti ha impressionato di loro in particolare?

“Nella partita giocata contro il Pisa all’Arena, sono rimasto impressionato da Lisuzzo, Iori, Arma, Morrone e Finocchio. Ti ripeto, una squadra di giocatori più che validi che avrebbero potuto lottare per la vittoria del campionato ma ribadisco che evidentemente ci sono stati dei problemi”.

Nell’Ancona hai come compagni di squadra due ex nerazzurri Giacomo Tulli e Gianluca Sampietro: ti hanno mai parlato dei loro trascorsi pisani?

“Certo con Tulli e Sampietro ne abbiamo parlato diverse volte. Pisa è un ambiente caldo con una tifoseria numerosa ed è normale che quando le cose vanno bene ti esaltano però è anche vero che quando le cose vanno male c’è un pò di pressione a livello negativo ma questo è un fenomeno non solo di Pisa ma un pò di tutte le piazze calde”.

Ancona è un’altra bella piazza a livello di tradizione e di tifo giusto?

“Si vero anche Ancona ha una storia ed un bel pubblico ora poi le cose stanno andando bene ed il lato negativo delle pressioni ambientali non c’è anzi i tifosi ci sostengono e ci danno morale”.

Ritorniamo agli ex pisani Tulli e Sampietro, che giudizio dai di loro?

“Oltre ad essere bravissimi ragazzi, sono ottimi giocatori: Sampietro sta dimostrando di saper giocare ad alti livelli, mentre Tulli merita sicuramente qualcosa in più della Lega Pro, ed il suo valore lo vedo sia quotidianamente allenandomi con lui e sia vedendo le sue prestazioni in campo, dove è sempre incisivo e decisivo”.

Mentre tu che tipo di giocatore sei?

“Sono un centrocampista versatile, ma sono utilizzato da mezzala”.

E l’Ancona solitamente adotta un modulo in particolare in campo?

“No, perché la forza di questo Ancona sta nel sapersi adattare a più moduli a seconda degli avversari che va ad affrontare”.

Quindi con quale spirito affronterete domenica i nerazzurri?

“Conlo stesso spirito con il quale proviamo sempre a vincere con ogni squadra che andiamo ad affrontare a prescindere dalla posizione In graduatoria. Certo che se dovessimo battere il Pisa, lo supereremmo in classifica”.

Ma il Pisa e l’Ancona possono ancora sperare di agganciare un posto nei playoff?

“Certo che si, finche la matematica non dirà diversamente è giusto giocarsela in quanto neanche la Reggiana è sicura certo i punti disponibili sono pochi, ma bisogna tentare, poi alla fine si vedrà”.

By