L’avversario del Pisa ai raggi X : l’Ascoli Picchio F.C. 1898

PISA – Il rullo compressore Pisa targato Cozza (reduce da tre vittorie consecutive, ultima sconfitta nella trasferta di Frosinone del 10 gennaio) fa visita domani al “Cino e Lillo del Duca” di Ascoli la formazione di casa, dal 6 febbraio rinominata Ascoli Picchio F.C. 1898″ dopo il fallimento e relativo cambio societario.

All’asta pubblica indetta per l’acquisto del club l’unica offerta è stata infatti quella presentata dall’imprenditore italo-canadese Francesco Bellini, che si è allora aggiudicato il recupero di una società storica del nostro calcio. Un nuovo corso è iniziato per una piazza e una squadra gettate nello sconforto dall’imprevista retrocessione dalla serie B dell’anno scorso e l’accumulo costante di debiti da parte dell’ex storico patron Roberto Benigni poi dimissionario a favore di Guido Mannocchio, che tuttavia non è riuscito nell’intento di risanare i conti.

Il nuovo Ascoli è allenato da Mister Flavio Destro, ex-allenatore in seconda di Franco Lerda a Torino, succeduto a Bruno Giordano il 20 febbraio scorso. la classifica parla chiaro: soli 15 punti in 24 partite disputate in un campionato dove per fortuna non esiste pericolo per la retrocessione e ragion per cui è possibile con calma trarre soltanto benefici sia di natura tecnica che tattica dalle prestazioni ottenute. E proprio ciò sta accadendo nelle ultime uscite alla compagine marchigiana che seppur privatasi  nel corso del mercato di gennaio di elementi di grande spessore come il terzino Scalise, il mediano Pestrin e la punta Vegnaduzzo, sta mostrando negli ultimi incontri di voler onorare il torneo e la maglia fino in fondo.

E’ pur vero che dal punto di vista del risultato grandiosi miglioramenti non si sono visti in virtù delle cinque sconfitte consecutive da cui sono reduci gli uomini di Destro. Ma quel che più conta è il gioco espresso a Lecce la settimana scorsa (2-1 per i salentini) e in casa col Catanzaro quindici giorni fa (0-1 per i calabresi).

Dalle dichiarazioni rilasciate in settimana l’obiettivo di coach Destro per domani consiste nel raggiungere però il massimo anche a discapito dello spettacolo, per regalare al pubblico la gioia di un successo che manca dal 19 gennaio (Ascoli – Paganese 3-2).

Il centrocampo è il reparto più solido con i tre centrali Capece (il capitano, in forza dal 2011), Carpani e Greco a dare fosforo nel mezzo, mentre in attacco a farla da padrona è l’esperienza del classe 1981 Giacomo Cipriani, ex Bologna, e il talento del 27enne Pietro Tripoli, ala fluidificante bomber della squadra con sei reti in stagione. A completare il trio di punte avanzato di molto rispetto alla sua naturale posizione ci sara il’esterno sinistro Alessandro Colomba, classe 1989.

 LA FOTO SOTTO E’ TRATTA DA PICENOTIME.IT

139427222688886

By