L’avversario del Pisa ai raggi X: il Grosseto

PISA – L’anticipo del venerdì sera di questa settimana dovrebbe secondo il calcolo delle probabilità regalare al Pisa i tre punti, dopo il pareggio in casa e la sconfitta in trasferta recapitate dal Frosinone capolista nelle due apparizioni serali precedenti. Ma a Grosseto non sarà facile contro i maremmani che puntano al massimo della posta per rilanciarsi nella lotta agguerritissima per i play-off.

La squadra allenata da Leo Acori è reduce da una striscia di risultati altalenanti tra vittorie e scivoloni tra i quali il più bruciante è stato senza dubbio l’1-2 subito tra le pareti amiche da parte del Gubbio rivale. Il problema principale per Lanni e compagni nel corso di queste ultime performances come del resto dall’inizio del campionato è rappresentato dai troppi goal subiti per una difesa uscita indenne soltanto dal blitz ad Ascoli di inizio febbraio (0-1) e il sorprendente successo casalingo sull’Aquila il weekend successivo raggiunto con il medesimo passivo.

Questa sera i padroni di casa vorranno cancellare la parità di vittorie e pareggi allo Zecchini (5) e lo faranno schierando un offensivo 4-3-3 e potendo contare su tutti i migliori in pratica. Tra i pali agirà il capitano ed ex-nerazzurro Ivan Lanni, e davanti a lui linea a 4 che vedra’ sulla corsia destra il terzino scuola Udinese Giovanni Formiconi, mentre il lato opposto del pacchetto arretrato sara’ presidiato dal promettente prodotto del vivaio del Parma Matteo Legittimo.La coppia di centrali presenta accanto al forte difensore crotonese Terigi l’unico ballottaggio che sembrerebbe favorire il baby Davide Biraschi (classe 1994) sul più esperto ex-Reggina Burzigotti.

La zona nevralgica sara’ occupata da una vecchia conoscenza dei tifosi pisani, quel Kenneth Obodo, classe 1985, che proprio all’ombra della Torre nella stagione 2012-13 ha conosciuto il calcio che conta. Ai suoi lati, se a sinistra si muovera’ l’appena diciannovenne Matteo Ricci, talento scuola Roma e gia’ nel giro della Nazionale azzurra under 20, il reparto di destra avra’ il suo interprete in Biagio Pagano (31), vecchia promessa non mantenuta del calcio italiano, reduce da una decennale carriera in B tra Bergamo, Rimini, Torino, Nocera, Modena, poi finito disgraziatamente al Ponsacco squadra che ha ottenuto la promozione in serie D. Da gennaio e’ stato riportato dal Grosseto ad un palcoscenico a lui più adatto.

Davanti Goldaniga & Co. dovranno stoppare le combinazione portate da un tridente “pesante”, composto oltrechè dall’ala destra Francesco Bombagi (24), autore di 5 reti stagionali, da due nuovi arrivi del mercato invernale che per il momento si sono dimostrati molto azzeccati. Stiamo parlando della punta centrale Andrea Ferretti, svincolato classe 1986, per lui 4 goal sinora, e del pari eta’ Alessandro Marotta, proveniente dal Bari, che sinora è stato schierato stabilmente a sinistra con esiti positivi viste le 3 reti messe a segno in 7 partite in questo ruolo non suo. E adesso la parola al derby!

L’esultanza dopo il gol dei torelli alla Salernitana (foto biancorossi.it)

IMG_1513-300x159

By