Ippica, a San Rossore il 124esimo Premio Pisa

PISA – La giornata piu’ importante dell’anno all’ippodromo di San Rossore questo pomeriggio incentrato sul 124° Premio Pisa – Sisal Matchpoint, listed per i tre anni sui 1.600 metri. La Manifestazione e’ inserita nel week – end dedicato al Capodanno Pisano.

Dieci i partenti: Salford Secret fu secondo nel Criterium di Pisa prima di andare a Napoli e vincere una listed. L’allievo di Riccardo Santini troverà sulla sua strada Laguna Drive, che ha vinto il premio Thomas Rook la prima domenica di marzo e che è piaciuto moltissimo a Fabio Branca anche nei lavori di rifinitura in vista del “Pisa”. Sole marino e Wonderful Wind sono in crescita e potrebbero fornire una sorpresa così come la femmina Nearly not Mine che dopo aver vinto l’Andreina punta a un traguardo epico, visto che è dal 1987 che una rappresentante del gentil sesso (Genevien) non vince la classica pisana.

L’altra listed del pomeriggio, il Premio Regione Toscana – Sisal matchpoint (per i 4 anni e oltre sui 2.200 metri), vede in primo piano Occhio della Mente, piazzato in Gruppo 1 e rientrato dopo lunga assenza vincendo sulla pista, opposto a Duca di Mantova, vincitore di corsa similare a Napoli in dicembre. VIrtual Game e Keshiro formano una forte scuderia per i Dioscuri – Botti e Kings Messenger (terzo l’anno passato in questa corsa) per i nuovi colori di Spartaco Lamponi ha vinto un bell’handicap principale a San Rossore.

Tra le due listed trova posta la Fegentri World Cup Of Nations, tappa italiana che apre l’edizione 2014 di questo circuito itinerante. Otto ospiti provenienti da Stati Uniti, Francia, Germania e Gran Bretagna affronterano i nostri Anna Lupinacci e Antonio Ferramosca mentre, fuori competizione Fegentri, sono al via altri due cavalli e tra questi il mitico LAGHAT, che con Federico De Paola proverà a vincere la 27^ corsa in carriera.

In chiusura di giornata il Premio San Rossore che sarà Tris Straordinaria. L’handicap principale sui 1.600 metri vede in Tropical Song e Tornabuoni due validi pretendenti anche se Luther, reduce dal secondo posto nel premio Enrico Camici, ha le carte in regola per mettere tutti d’accordo.

20140323-111259.jpg

By