Il Sindaco Filippeschi sugli arresti di Covarelli e Pomponi: “La magistratura vada fino in fondo”

PISA – “Le società di calcio sono terreno di conquista per la malavita, per riciclare denaro e fare affari sporchi, anche attraverso le scommesse clandestine: al riguardo la città si è lasciata alle spalle un brutto momento e oggi si vede meglio quanto potesse essere brutto e quali inganni potesse celare”.

Anche il Sindaco di Pisa Marco Filippeschi interviene per commentare la notizia degli arresti domiciliari ai due ex presidenti del Pisa Calcio Covarelli e Pomponi, entrambi coinvolti in un’indagine della Direzione distrettuale antimafia di Napoli che ha il riciclaggio di fondi provenienti dal fallimento della San Pio sas, società romana attiva nel settore alberghiero.

Marco Filippeschi, sindaco uscente della città di Pisa
Marco Filippeschi, sindaco uscente della città di Pisa

“La magistratura vada fino in fondo – ha proseguito il primo cittadino -. Però non si può fare come fanno gli struzzi, quando nascondono la testa sotto la sabbia, per non vedere: quello che via via emerge, infatti, pare la punta di un iceberg. La Figc, quindi, deve darsi regole sempre più rigorose per evitare che l’inquinamento dilaghi, per imporre sobrietà e per affermare i valori dello sport”.

You may also like

By