Il punto di Luca Guiducci: “Pisa, è notte fonda a Grosseto”

PISA – Per il Pisa e’ notte fonda, anzi oserei dire e’ crisi profonda. Vittoria meritata per la squadra maremmana che affossa i nerazzurri con un pesante 3-1 in un derby a senso unico in una sconfitta senza attenuanti.

Inizio di partita con una partenza determinata del Grosseto che appare da subito con le idee ben chiare in testa. La fortuna e’ a anche dalla parte dei bianco-rossi quando al 3′ Burzigotti devia di tacco una punizione rimediata in maniera abbastanza ingenua ai limiti dell’area nero-azzurra. Privedel e’ battuto, Grosseto in vantaggio e partita da subito in salita per il Pisa. La squadra di Cozza cerca di trovare un equilibrio provando ad attaccare per raggiungere il pareggio, ma i maremmani attraverso un pressing costante ed efficace riescono quasi sempre a spezzare le trame di gioco dell’avversario.

La squadra di Acori fa le prove generali del secondo goal con Provedel che riesce a neutralizzare di piede un tiro di Pagano. Goal del due a zero che comunque arriva grazie a Ferretti al 33′ imbeccato da un indemoniato Marotta a cui deve aver fatto molto bene la cena con Camilli. Il Pisa riesce soltanto a sfiorare il goal al 42′ con Mannini, ma e’ solo un illusione, il primo tempo si conclude con un amaro due a zero. Secondo tempo con un Pisa piu’ aggressivo, più determinato e piu’ offensivo di quello visto nella prima frazione di gioco. Da segnalare due azioni interessanti nel quale il Pisa va vicino ad accorciare le distanze, prima con Rozzio il cui colpo di testa viene parato da Lanni e poi di Pellegrini a fil di palo.

Nel miglior momento del Pisa Provedel che atterra ingenuamente l’onnipresente Marotta quando forse non era necessarrio, con l’attaccante spalle alla porta. Tre a zero e partita finita. Sostituiti Giovinco inconsistente e mai in partita per Bollino e Mannini per Caputo. Mannini ancora oggi il migliore in campo nell’oblio totale della squadra. Due pali poi, uno per parte, prima Marotta per il Grosseto e Napoli successivamente per il Pisa. C’e’ tempo, al 93′, per il goal della bandiera con Cia che esegue una perfetta punizione al limite con rete nel sette. Goal tanto bello quanto inutile, ma prima rete stagionale per il giocatore altoatesino del Pisa. Si conclude cosi’ la terribile serata dello “Zecchini” per i nerazzurri e per i suoi tifosi ancora una volta delusi e diciamolo questa volta più di altre occasioni.

Un Pisa senza sostanza e senza grinta. Un Pisa che i più indulgenti scuseranno per la sfortuna avuta in più occasioni, ma che comunque non ha saputo risollevare le sorti di una partita con un avversario non certo irresistibile. Troppi gli errori e le ingenuità. Si ritorna in campo domenica prossima con un altro derby contro il Prato in un ennesimo esame per il Pisa. Una settimana di riflessione per capire cosa veramente vogliamo da questo campionato e un ‘altra partita da vincere a tutti i costi, senza se e senza ma. Il Pisa ha bisogno di un riscatto e i suoi tifosi anche, vedremo se Ciccio Cozza con il ritorno in campo di Arma, Mingazzini, Favasuli e forse Parfait saprà farsi perdonare la prestazione infausta di stasera.

20140322-005100.jpg

By