I Riformisti Per Pisa presentano la serata di mercoledì dove Claudio Martelli farà conoscere “Ricordati di Vivere”

PISA – Stamani, nella sede dei Riformisti per Pisa, si è svolta una conferenza stampa per introdurre la serata di Mercoledì sera (inizio ore 21) all’AC Hotel dove Claudio Martelli presenterà il suo ultimo libro “Ricordati di Vivere” edito da Bompiani.

Si tratta dell’autobiografia politica dell’ex Ministro di Grazia e Giustizia e leader socialista ai tempi di Bettino Craxi. Un libro sulla storia e sull’importanza del riformismo in Italia. Martelli sarà incalzato dalle domande del giornalista Mario Lancisi de Il Tirreno e poi aprirà un dibattito con il pubblico.

Parla con soddisfazione di questo incontro l’assessore Federico Eligi: “La sua idea di fondo è quella di un’aggregazione tra Laici, Repubblicani, Socialisti e Radicali; Martelli riprende i concetti di quello che è Il suo testo sacro, ovvero la conferenza programmatica di Rimini del 1982. L’idea è quella di riunire l’area culturale del referendum sulla scala mobile. Oggi le istituzioni non manifestano in pieno le idee dei laici, mentre 30 anni fa tutto quello che non era laico era fuori dalle istituzioni. La serata però non sarà solo un occasione per ricordare ma soprattutto per parlare del presente, con le elezioni Europee alle porte e con temi importanti da sempre a cuore all’area socialista riformista. Ad esempio l’Italia ancora oggi non ha una legge sul fine vita. Sulle grandi battaglie laiche civili è preoccupante che la sinistra sia rimasta a guardare; paradossalmente la persona che parla maggiormente di questi temi è il Papa. Malgrado la crisi e i tanti problemi da affrontare in Italia ed in Europa non ci possiamo permettere di uscire dall’area Euro, e se a sostenerlo è il Leader di uno dei partiti italiani più votati come Beppe Grillo la cosa mi preoccupa. L’unico soggetto che può muovere e determinare certi equilibri è l’Europa; la risposta ad una insoddisfazione non può essere il ritorno alle vecchie monete con la globalizzazione odierna. Più Europa ma un Europa diversa. Sull’Ucraina c’è un immobilismo tremendo. Far capire alla gente, che soffre una crisi enorme anche nel rapporto tra politica e cittadini, che le elezioni Europee sono importanti anche più del voto italiano perché al parlamento europeo vengono prese decisioni importanti. La ricetta per curare l’Europa passa dal voto. Una cosa che condivido con Grillo è quello dei Bond. Infine chiederemo a Martelli se per noi riformisti ci sarà spazio in Europa. Ci vantiamo di aver recuperato a Pisa un area riformista del 5%, attraverso una proposta valida”.

Parla anche il consigliere comunale Massimo Balzi:”Intanto vi comunico che è nata l’associazione dei Riformisti Per Pisa, non è stato solo un cartello elettorale, ed è regolamentata come tale. Siamo una sommatoria di esperienze liberali, laiche, repubblicane e Radicali. Siamo contenti che Claudio Martelli faccia ritorno nella nostra provincia, dopo il successo di un comizio a Pontedera proprio alla vigilia delle europee del 2004; Martelli è stato un protagonista del partito Socialista ma nasce repubblicano e mercoledì sera sarà nella città dove è morto Mazzini che parlava non solo di giovane Italia ma di giovane Europa. Oggi si ricorda l’Unità d’Italia nata da anime diverse come Garibaldi, Cavour e Mazzini. Noi siamo per gli Stati Uniti di Europa e staremo nel gruppo dei socialisti europei come il PD. Ci farebbe piacere venisse a Pisa anche Benedetto Della Vedova. Radicali, Repubblicani, Liberali e Socialisti possono essere uniti a Pisa come in Europa. In questi anni ognuno ha fatto le sue esperienze, sia nel centro destra che nel centro sinistra, ma adesso serve l’unità dell’area riformista. Devo ammettere che in questi ultimi anni la rivoluzione liberale del nulla è stata Forza Italia.”

A.C.

20140317-180501.jpg

You may also like

By