I Cobas: “Ricordate il piano casa di Renzi poi tramutato nel decreto legge 47/2014? Un flop!”

PISA – Manca la copertura finanziaria per il ripristino e ristrutturazione delle case popolari, nonostante Il Governo dichiari di avere assicurato fondi con la legge di stabilità (comma 235 della legge 190/2014).

I primi interventi arriveranno non prima di 16 mesi dalla entrata in vigore della Legge, nel frattempo il Governo ha ben pensato di non reiterare il blocco degli sfratti.

Il decreto legge dà i numeri, ossia per ciascuna regione prevede il numero degli alloggi pubblici sfitti da ristrutturare ma non abbiamo certezza che la cifra rispetti i numeri reali, per non parlare poi dei tempi di realizzazione degli interventi piu’ piccoli (quelli inferiori a 15 mila euro per la messa a norma degli appartamenti e quelli piu’ onerosi che arrivano fino a 50 mila euro ) che saranno diluiti nell’arco di 4 anni quando invece l’intervento dovrebbe essere tempestivo per consentire, da qui a 12 \18 mesi, di avere appartamenti vuoti da assegnare e così fronteggiare concretamente l’emergenza abitativa

Le risorse sono quindi insufficienti sia per i piccoli lavori di manutenzione che per gli interventi piu’ onerosi e sui tempi di consegna non esiste certezza alcuna nonostante la drammaticità del problema abitativo che consiglierebbe di concentrarsi sugli alloggi sfitti per dare subito risposte concrete a chi è senza casa.

Fonte: Cobas.it

By