Francesco Nocchi: “Il rilancio di Coltano passa dal mantenimento dei servizi e dagli investimenti pubblici”

COLTANO – Si è svolta all’Arci di Coltano l’iniziativa “Rilanciare le frazioni a partire dai servizi”, con il candidato Pd Pisa Francesco Nocchi.

image

“Non si devono pensare i quartieri fuori dal centro cittadino come dormitori – afferma Nocchi –, a partire da Coltano, un luogo pieno di storia, una risorsa naturale a pochi chilometri da Pisa, con importanti aziende che producono prodotti di prima qualità e che ho potuto visitare”. “Quando si taglia i primi ad essere sacrificati sono i cittadini e prima ancora quelli delle zone decentrate, ma non possiamo pensare che se in un luogo vivono meno abitanti allora debbano sparire i servizi”. Da qui l’iniziativa presa per mantenere seggio elettorale e ufficio postale. “Siamo riusciti a mantenere il seggio elettorale grazie alle sollecitazioni fatte al Prefetto e agli interventi per rendere agibile la Villa Medicea, gli abitanti di Coltano potranno votare nel loro territorio e non più a Putignano. La battaglia per il seggio ha un aspetto simbolico: non privare il territorio dei servizi. Lo stesso è stato fatto per le poste con la conferma delle attuali aperture e l’allontanamento del rischio chiusura”. Un lavoro portato avanti dal Pd provinciale insieme al Pd Putignano-Ospedaletto-Coltano ed ai Consigliere comunali del territorio. Tra i temi affrontati anche quello della viabilità. “Per Via dell’Idrovora il Comune ha rispettato gli impegni presi prima delle elezioni, adesso manca la “mezzaluna” di ingresso alla frazione e si fa un altro passo avanti – queste sono le sole strade comunali -, ma quello che serve è una mappatura per capire le proprietà delle strade e risalire alle competenze di chi deve fare gli interventi. A quel punto è importante trovare i fondi”. Attenzione poi per la questione della sicurezza idraulica, a partire dal tema della pulizia dei corsi d’acqua su cui occorre fare un lavoro in sinergia con Fiumi e Fossi.

Ma non sono stati affrontati solo i problemi. “Abbiamo sollecitato la Regione perché investisse parte dei proventi della vendita delle azioni Sat su Coltano, per l’ex Stazione Radiotelegrafica di Marconi, non solo una testimonianza storica di valore inestimabile, ma un luogo da recuperare e valorizzare che può segnare il rilancio di Coltano. Così è stato, con il versamento di 1.3 milioni, in attesa di altrettanti che metterà il Comune. Non servirà un museo, ma un centro di studio di alta tecnologia. Seguiremo tutti passaggi”. Una partita che vede in parallelo la nascita della Proloco, che si è riappropriata della Villa Medicea per farla rivivere. “Altro monumento che merita attenzione e valorizzazione”.

“Qui la Regione ha molte proprietà, tra strade, terreni, casolari, che potranno passare al Comune di Pisa. Questo andrebbe a contributo del rilancio di Coltano e se verrò eletto mi impegnerò perché la cosa passi in Consiglio. La Regione deve riversare attenzione ai temi di Pisa, della Costa Toscana, a partire da queste situazioni che a volte rimangono invisibili. Anche per questo voglio portare il nostro punto di vista in Regione”. E sulle questioni aperte con il Parco Nocchi ha affermato che “alcuni passi avanti sono stati fatti, ma serve sburocratizzare e venire incontro alle imprese: non possiamo vivere un eterno conflitto tra due parti integranti delle risorse economiche e ambientali di questo territorio”.

By