Corsa, grinta, determinazione e tanta allegria: è tornato Il Taba

PISA – I rientri nel calcio sono sempre importanti soprattutto per dare fiato ad un reparto, quello di centrocampo, che aveva bisogno di freschezza per il Pisa. I vari Verna, Di Tacchio, Lazzari eccetera eccetera hanno tirato carretta fino a ieri. Finalmente mister Rino Gattuso ha ritrovato uno dei suoi uomini più talentuosi: Andrea Tabanelli.

Alessandro Castaldi – Serie B – Spal – Pisa 04-03-17Di

di Antonio Tognoli

Foto servizio di Alessandro Castaldi

E lo ha ritrovato forse nella gara più complicata della stagione, quella contro la Spal. La squadra di Semplici esprime ad oggi il miglior calcio del campionato e non era facile sostituire un punto fermo come Verna in una gara così delicata. “Il Taba” (ieri in tribuna c’era tutta la sua famiglia a bagnare il suo rientro in campo) ha interpretato la gara con grande sagacia tattica con grande grinta e determinazione lottando su ogni pallone, raddoppiando la marcatura su due mastini come Mora e Schiattarella e facendo in alcuni frangenti (quelli iniziali della gara) anche il tre-quartista alle spalle delle due punte Masucci e Manaj. Proprio come nove mesi fa nella “corrida” di Foggia nella finalissima play–off (ultimo suo Match disputato in nerazzurro) ha giocato settanta minutI senza paura, senza timori verso i più quotati avversari.

Alessandro Castaldi – Serie B – Spal – Pisa 04-03-17

Sono contento era nove mesi che non giocavo – ha detto a fine gara – non credevo di reggere per 70′ – la Spal è una delle squadre più forti del campionato e credo che se la giocherà fino all’ultimo in questo campionato. Il nostro è un pareggio importante contro una grande squadra“, conclude Tabanelli.

Alessandro Castaldi – Serie B – Spal – Pisa 04-03-17

Insomma un rientro ottimo proprio davanti a chi lo aveva lanciato, il Ds della Spal ed ex Nerazzurro Davide Vagnati che lo aveva scelto nel progetto di rilancio della Spal che era da poco fallita e rinata dalle ceneri della Giacomense. Dopo quel campionato “il Taba” fu subito attenzionato dal Cesena, impiegato in pianta stabile in bianconero prima di un infortunio e soprattutto prima dell’arrivo di mister Drago che gli ha dato poco spazio. Poi la chiamata del Pisa, il suo arrivo nel gennaio scorso in punta di piedi. Ha dato non solo sul campo, ma anche con la sua allegria nello spogliatoio quel qualcosa in più nella parte finale dello scorso campionato, che mancava. Il suo impiego come quello di Di Tacchio è risultato decisivo ai fini della conquista dei play-off.

Il Taba è tornato, Gattuso può sorridere

By