Cobas: “Il Sindaco faccia chiarezza sul Panificio Bolognese”

PISA – Riceviamo e pubblichiamo il comunicato dei Cobas sulla situazione dei lavoratori del Panificio Bolognese

Sovente vengono approvati ordini del giorno in consiglio comunale che restano lettera morta, è il caso del sostegno dei lavoratori e delle lavoratrici del Panificio Bolognese.

Un alternativa alla gestione attuale ci sarebbe, quella di rilevare l’attività del panificio bolognese dando vita ad una cooperativa formata da dipendenti ed ex dipendenti con il sostegno di chi , come Libera e Coop, ogni giorno si fanno promotori di imprenditoria sana nelle terre confiscate dalla Mafia

Leggiamo con preoccupazione una nota di Città in Comune secondo cui gli Uffici Suap del Comune non avrebbero ricevuta la Scia indispensabile per ogni attività commerciale.

Ci chiediamo allora cosa stia succedendo e perchè in assenza di un documento indispensabile come la Scia il panificio bolognese continui ad operare indisturbato nel centro storico senza essere sanzionato dal Comune. Ricordiamo che il consiglio comunale ha approvato un ordine del giorno a sostegno dei lavoratori che da tempo denunciano la costante violazione di molte normative da parte della proprietà prima tra tutte la corresponsione degli stipendi e il rispetto dei contratti

By