“CIRCO…in piazza” domenica a San Rossore: una grande festa per il raduno delle scuole di circo UISP della Toscana

PISA- L’area Hippolandia, all’interno dell’ippodomo di San Rossore, ospiterà domenica pomeriggio (dalle 14 alle 18) giocolieri, clowns, equilibristi e acrobati, per uno spettacolo di cui saranno i protagonisti gli atleti e i maestri delle scuole di circo UISP di tutta la Toscana.

La manifestazione, ad ingresso libero, è organizzata dal comitato UISP di Pisa in collaborazione con l’amministrazione comunale e la scuola di circo “Chez nous,…le cirque!” da anni impegnata sul territorio per promuovere e valorizzare l’insegnamento dell’arte circense.

da sin: Lorenzo Bani, Paolo Ghezzi, Cristiano Masi
da sin: Lorenzo Bani, Paolo Ghezzi, Cristiano Masi

All’interno del calendario di questa “due giorni” dedicata all’arte circense nel parco di San Rossore, si terrà domani (sabato 29)- in “Sala Gronchi”- CIRCOnvegno, il primo convegno italiano dedicato a questa attività sportiva che richiama in città relatori come Adolfo Rossomando, direttore artistico dell’associazione “Giocolieri e Dintorni”, Claudio Madia della “Piccola scuola di Circo” di Milano, Daniele Giangreco di “Hanche noi circo” di Perugia, Ilaria Cerri clown dottore di “Ridere per vivere Toscana onlus” e molti altri ancora. La partecipazione è gratuita, è solo necessario registrarsi sul form nel sito: www.circonvegno.it.
L’importanza delle arti circensi, intesi come attività sportiva capace di valorizzare le abilità di ciascun soggetto, con le proprie differenze, è stata ricordata nella conferenza stampa di presentazione sia da Lorenzo Bani- presidente del Comitato UISP di Pisa- che da Cristiano Masi- presidente della scuola di Circo “Chez nous,…le cirque”- che ha voluto ricordare come questa attività sia un valido mezzo per lavorare sulla concentrazione, l’equilibrio, l’autostima, la non competitività e il rispetto reciproco e come quindi sia uno sport adatto veramente a tutti. Paolo Ghezzi- Vicensindaco con delega al Turismo- ha invece posto l’accento sull’importanza della manifestazione per la città e ha ricordato come il supporto a questo progetto da parte dell’amministrazione comunale abbia tenuto conto dell’assenza del coinvolgimento degli animali. Circo quindi come attività sportiva, come gioco e divertimento per grandi e piccini, fuori dagli stereotipi.
Al termine della conferenza Bani, Ghezzi e Masi hanno indossato “la medicina” che portano i medici clown nelle corsie degli ospedali. pediatrici

You may also like

By