Cecchini Cuore: donati due defibrillatori all’Universita di Pisa

PISA – Venerdi 3 Aprile Cecchini Cuore donera due defibrillatori all’Universita di Pisa. Lo fa sapere il Dott. Cecchini attraverso un comunicato stampa.

Il Rettore Prof. Massimo Mario Augello ha deciso di cardioproteggere il Rettorato e l’adiacente Palazzo Vitelli, sul Lungarno Pacinotti di Pisa. Le macchine sono state donate una dalla Oreficeria “Casa Capone” e l’altra dai familiari di Alice Bernardi, la ragazza che nel Luglio 2014 perse la vita in un gravissimo incidente stradale.

A raccontarlo, nel corso di una conferenza stampa prevista per il giorno 3 aprile 2015 alle 12 nella Sala dei mappamondi del Rettorato Università degli Studi di Pisa, due protagonisti di questa importantissima iniziativa: Rosanna Tarsiero (Owner della RCP Planet), Maurizio Cecchini (Presidente, Cecchinicuore Onlus) e il Magnifico Rettore Prof. Massimo Mario Augello (Università degli Studi di Pisa).

L’Owner della RCP Planet Rosanna Tarsiero ha spiegato l’importanza dei progetti di defibrillazione pubblica in Italia: “Grazie al lavoro ed alla passione dell’infaticabile Maurizio Cecchini (Presidente, Cecchini cuore Onlus), oggi è un giorno molto significativo per la cardioprotezione in Italia, specie per la quota di arresti cardiaci improvvisi che si verifica al di sotto dei 35 anni. La combinazione di defibrillatori HeartSine e teche Rotaid appena installata negli uffici dell’Università di Pisa dal Rettore Augello e commercializzata in Italia esclusivamente da RCP Planet, è caratterizzata da design estremamente intuitivo e da una rapidità e facilità d’uso, anche da parte di soccorritori ipovedenti, ipoacusici o a mobilità ridotta. Auspico che un numero sempre maggiore di progetti di defibrillazione pubblica coinvolga soluzioni di contenimento rapide da aprire, facili da localizzare e con impatto minimo su ecologia e paesaggio, coniugate a defibrillatori nati da esperienze cliniche, duraturi ed idonei alla collocazione nelle più disparate condizioni climatiche ed ambientali.

Mi preme infine sottolineare come l’impegno congiunto di HeartSine sia nella ricerca biomedica, che nelle iniziative benefiche, abbia portato quest’azienda alla istituzione di Forward Hearts: iniziativa unica al mondo in virtù della quale, a fronte dell’invio al produttore dei dati software e clinici entro 72 ore dal soccorso, il sopravvissuto riceve un DAE in dono, facendo di HeartSine la scelta obbligata per ogni progetto PAD. A livello personale, i miei più commossi ringraziamenti vanno a Maurizio Cecchini (Presidente, Cecchinicuore Onlus), Guido Comi (Direttore Commerciale, PVS), Ruben Halmans (Managing Director, Rotaid), e Volker Brand (Vicepresidente, HeartSine) per aver creduto nelle mie capacità umane e professionali proprio quando nemmeno io, dato il momento particolarmente delicato della mia vita, ci credevo più.”

Alle parole della Tarsiero si aggiungono quelle di Maurizio Cecchini: Un ringraziamento personale al Magnifico Rettore dell’ Università, Professor Augello che già nel 2008 , quando era Preside della Facoltà di Economia e Commercio, volle installare un DAE, a tutela degli studenti e del personale; fu il primo DAE installato in una Università italiana. Un abbraccio forte alla Famiglia Bernardi, per la loro forza d’animo. Un ringraziamento alla gioielleria “Casa Capone” per il gesto di altruismo che hanno compiuto.”

By