Caso Ragusa: trovati teschi, ossa e indimenti femminili nelle campagne

PISA – Una porzione di un teschio umano, alcune ossa repertate in una grotta e indumenti femminili ritrovati in una zona di campagna nel Pisano.

 Sono gli elementi sui quali si concentreranno ora le indagini scientifiche degli esperti dei carabinieri per cercare di dare una soluzione al giallo della scomparsa di Roberta Ragusa, la donna pisana sparita dalla sua abitazione di Gello di San Giuliano Terme (Pisa), la notte tra il 13 e il 14 gennaio dell’anno scorso. I reperti sono stati tutti trovati durante la maxi battuta di ricerche, promossa dal prefetto Francesco Tagliente, la scorsa settimana e conclusasi stamani con l’impiego di circa 2 mila persone al giorno tra carabinieri, militari e volontari della protezione civile. Il teschio (una porzione di calotta cranica)
fu ritrovato sulla spiaggia di Marina di Pietrasanta, le ossa in una grotta sui Monti Pisani e gli indumenti femminili in un cespuglio a Colignola, non molto distante dall’abitazione della donna. . “Quello delle persone scomparse – hanno detto Tagliente e Basilone – è un cono d’ombra nella vita di tante persone sul quale occorre fare luce con determinazione ed energia,
nell’interesse della giustizia e dei familiari”.

You may also like

By