Bilancio del primo bimestre del 2017: Trenitalia conferma la sua efficienza

Toscana – I trasporti Trenitalia regione Toscana registrano un buon bilancio per i primi 2 mesi del 2017. I dati di sintesi registrati da Trenitalia Regionale Toscana, di seguito.

Uno dei mezzi di trasporti più usati assicura un viaggio sereno ed un bilancio positivo: Trenitalia conferma la sua validità nella regione Toscana.

Si è registrato infatti un indice di affidabilità (99,4%) su valori di assoluta eccellenza in ambito europeo, puntualità del 92,9% e quasi 82 viaggiatori su cento che si dichiarano soddisfatti del viaggio nel suo complesso.

Il 99,4% delle corse programmate è partito regolarmente. Le cancellazioni si attestano infatti complessivamente allo 0,6%, e soltanto allo 0,2 % per cause imputabili a Trenitalia.

La puntualità media sull’intera giornata è del 92,9%, e riguarda i treni giunti a destinazione in orario o comunque non oltre i cinque minuti. La media regionale si attesta al 93,1% nella fascia oraria dei pendolari del mattino e al 93,8% in quella pomeridiana.

La statistica tiene conto di tutti i ritardi, qualunque ne sia la causa, e descrive quindi quanto realmente vissuto dai passeggeri. Se si tenessero invece in considerazione i soli ritardi imputabili a Trenitalia, la puntualità raggiungerebbe il 98% proseguendo un trend positivo che va avanti ininterrottamente da quattro anni.

Un contributo al miglioramento del servizio, che in Toscana registra risultati superiori alla media nazionale (+2,3% di puntualità reale e + 0,7% di affidabilità), arriva anche dai nuovi treni.

Solo negli ultimi tre mesi sono cinque i convogli entrati in servizio sui binari della regione. Si tratta di quattro Vivalto doppio piano di nuova generazione – utilizzabili anche sulla linea direttissima al servizio dei pendolari del Valdarno, Arezzo e Valdichiana – e di un Jazz monopiano con nuova tecnologia di videosorveglianza live, in servizio  nell’area tra Livorno, Pisa e Lucca.

Il buon andamento delle performance registrato negli ultimi anni si riflette positivamente anche sul gradimento manifestato dai clienti. Le rilevazioni relative alle prime settimane del 2017 – condotte da una società demoscopica esterna al Gruppo FS attraverso una serie di interviste mirate – evidenziano infatti che l’81,9% dei passeggeri si dichiara soddisfatto del viaggio nel suo complesso: una media regionale in crescita di 3 punti rispetto allo stesso periodo del 2016.

Nel particolare l’indagine segnala, nel confronto 2017 vs 2016, un incremento di gradimento del 5,4 % alla voce “Permanenza a bordo treno”, con tutti i principali fattori che ne determinano il giudizio in deciso miglioramento: pulizia (+3,7%), puntualità percepita (+4,9%), livello complessivo di comfort offerto (+1,5%), security (+1,8%).

 

By