Il “Biblioday”: festeggiamenti per i 18 anni della rete bibliotecaria

Cascina – Sabato 25 Marzo, nella Biblioteca Peppino Impastato di Cascina, in occasione del Biblioday 2017, sono stati festeggiati i 18 anni di attività della rete che mette in movimento e coordina ben 48 biblioteche diffuse in 26 Comuni, a cui si aggiungono 10 biblioteche scolastiche e 11 archivi storici e di deposito.

Il Sindaco del Comune di Calcinaia, Lucia Ciampi, Presidente della Rete Bibliolandia, che ha colto l’occasione per stilare un bilancio di massima dell’anno 2016, dal trend assolutamente positivo, commentando: “La Rete Bibliolandia rappresenta un patrimonio culturale, storico e documentario preziosissimo per l’intera provincia di Pisa, che abbraccia in tutta la sua estensione. Si tratta di un’esperienza che è cresciuta nel tempo, radicandosi sempre più nel territorio, affermandosi nelle abitudini dei lettori, grandi e piccoli, instaurando sempre più rapporti con altre realtà locali, tra cui, in primis, le scuole. Nonostante le smisurate dimensioni – prosegue Ciampi -, questo patrimonio è però estremamente mobile, flessibile e dinamico: grazie alle nuove tecnologie, le nostre biblioteche funzionano infatti come un unicum. Non sono gli utenti a spostarsi, a caccia del loro testo preferito, ma i libri, che viaggiano da un polo bibliotecario all’altro per soddisfare al meglio le richieste dei lettori. I volumi trasportati nel 2016 sono stati quasi 40 mila”.

“Uno dei nostri obiettivi principali è quello di promuovere la lettura in maniera trasversale – continua Ciampi -. Per farlo sono state organizzate oltre 2000 iniziative”.

“Tra gli altri importanti traguardi tagliati – specifica il Presidente – l’aver mantenutoaperta e attiva la Biblioteca Provinciale con un importante finanziamento regionale, l’aver allacciato rapporti con alcune nuove biblioteche scolastiche, l’aver siglato un accordo con la Rete Reanet della zona dell’Empolese – Valdelsa, con la finalità di dare accesso a un milione di volumi a tutti gli utenti”.

La Rete Bibliolandia dispone anche di archivi locali, storici e di deposito: “In questo settore – continua Lucia Ciampi -, in cui operiamo con risorse piuttosto ridotte, siamo riusciti a garantire nel 2016 un livello base di gestione e utilizzo, nonché l’organizzazione di due mostre itineranti, la prosecuzione del processo di digitalizzazione e di creazione di banche dati e strumenti multimediali per la didattica della storia”.

By