Autocertificazione della fascia economica: cosa fare dal 1 ottobre

PISA – Dal 1° Ottobre 2014, qualora il cittadino si presenti negli ambulatori specialistici e nelle farmacie con una ricetta che ritiene, per quanto riguarda la fascia economica, errata o incompleta, fino al 31 ottobre 2014, in deroga a quanto previsto, può autocertificare la propria fascia direttamente sulla ricetta; contestualmente, nel caso di accesso per prestazioni specialistiche, gli operatori del SSR provvederanno anche a far regolarizzare la posizione.

Anche nel caso in cui la ricetta sia dematerializzata (la cosiddetta ricetta elettronica) è prevista la possibilità di autocertificare sul promemoria rilasciato dal medico. Il cittadino che ancora non abbia regolarizzato la propria posizione, pertanto, per tutto il mese di ottobre continuerà a pagare in base alla fascia economica di appartenenza. A decorrere dal 1° novembre, qualora la fascia economica non sia presente sulla ricetta, l’utente sarà tenuto a pagare il ticket massimo previsto.

20140925-024116.jpg

Tutte le Aziende sanitarie sono state informate sulle modalità operative per applicare le indicazioni regionali. Per l’alta affluenza dei cittadini ai Punti Si e agli sportelli delle Asl, stamani si è verificato un blocco del sistema di un quarto d’ora, di questo la Regione si scusa con i cittadini. Tutto è stato ripristinato in breve tempo.

Cosa cambia. In azienda Usl non si potrà più compilare l’autocertificazione all’atto della fruizione della prestazione specialistica o, in farmacia, siglare la ricetta alla consegna dei farmaci.

Sulla ricetta infatti, con il passaggio alla ricetta elettronica, sarà già presente il codice della fascia economica certificata, risultante cioè dalla banca dati dell’Agenzia delle Entrate e dell’INPS, riportato dal medico prescrittore. All’atto dell’erogazione della prestazione ambulatoriale o in farmacia tale dato non potrà più essere modificato.

Cosa fare. È opportuno verificare fin da subito e poi annualmente, nei modi sotto indicati, che il codice della propria fascia economica sia presente e che sia corretto. E’ giusto che non sia presente solo se la fascia economica di appartenenza è superiore a 100.000 euro. Se il codice è sbagliato o non appare, si dovrà fare un’autocertificazione, a validità annuale, per evitare di pagare un importo errato. Ricorda, dal 1 ottobre 2014, se nessun codice è presente sulla ricetta, si è tenuti al pagamento del ticket corrispondente all’importo massimo.

Verifica e autocertificazione. È possibile verificare ed eventualmente autocertificare la propria fascia economica con la Carta Sanitaria Elettronica attivata direttamente online su questo sito muniti di lettore smart card e ai Totem PuntoSi. In ogni caso è possibile recarsi agli sportelli dell’Azienda Usl di assistenza.

Cosa sapere. Banca Dati. La Banca Dati si compone dei dati resi disponibili dall’Agenzia delle Entrate e dall’INPS. Il Ministero dell’Economia e delle Finanze fornisce, entro il primo trimestre di ciascun anno, tali dati al Servizio Sanitario Regionale. A questi si aggiungono anche i dati forniti dall’INPS relativi agli indicatori ISEE in corso di validità. La banca dati ministeriale si compone delle ultime dichiarazioni dei redditi in possesso dell’Agenzia delle Entrate, vale a dire le dichiarazioni dei redditi redatte nell’anno precedente e relative ai redditi di 2 anni prima. Il sistema rileva il dato economico più favorevole tra reddito familiare fiscale e ISEE se presenti entrambi. Gli elenchi forniti dal Ministero relativi alle posizioni reddituali non includono coloro che non hanno presentato la dichiarazione dei redditi per l’anno di riferimento e i nati nell’anno fiscale successivo

Validità delle attestazioni. Le attestazioni relative all’ISEE hanno validità fino alla scadenza dell’Indicatore ISEE stesso, ossia un anno dalla compilazione. Le attestazioni e le autocertificazioni relative al reddito familiare fiscale hanno validità fino al 31 marzo dell’anno successivo.

Per saperne di più è attivo un numero verde regionale 800 556060 e il sito www.regione.toscana.it/salute, ticket.sanita@regione.toscana.it

You may also like

By