Aumento dei costi dei parcheggi in seguito al People Mover

Pisa – Aumento delle tariffe dei parcheggi in seguito al People Mover. Questa situazione è stata creata negli ultimi decenni da coloro che ancora oggi, governano Pisa in maniera errata, come sostiene Maurizio Nerini, capogruppo di “Noi adesso Pis@”.

L’iniziativa partita a Pisa, intitolata “People Mover” ha generato già le prime polemiche dovute agli aumenti delle tariffe dei parcheggi.

Inizialmente furono sottovalutati i rischi di contrazione dei possibili fruitori anche per coloro che arrivassero in città dall’aereoporto: ora si inizia a palesare un disegno dove la fallimentare politica sulla mobilità dell’assessore Forte raggiunge delle vette inenarrabili.

Le parole di Forte riportano la volontà di ridurre l’uso dell’auto privata in aree urbane,nonché quella di chiudere una linea di bus “per non far concorrenza al People Mover”. Vuole “ridurre il tempo che i cittadini passano in auto solo per cercare un parcheggio“ e subito dopo dice che le tariffe più alte sono per “stimolare una maggiore rotazione nei parcheggi”.

Ma le polemiche sono molte in merito: la stessa nuova APP si allunga la sosta da remoto “prolungandola senza dover recarsi alla propria auto a sostituire il tagliando.”…e la rotazione?

La nuova iniziativa non tiene conto di una utenza “anziana” che non usa smartphone e che magari vedeva di buon occhio le tesserine elettroniche a scalare che non più reperibili.

Inoltre, la novità si rivolge ai comuni limitrofi, quelli fuggiti da Pisa caotica e inospitale per i Pisani, quelli che non trovano abitazioni per le loro esigenze, che vivono e sfruttano i servizi offerti dalla città ogni giorno.

L’idea sembra essere stata prodotta soltanto per recuperare fondi, cercando inutilmente di contrastare errori colossali di gestione del territorio.

Il consiglio che il capogruppo fornisce a Forte è quello di guardare l’antica Pisa degli anni del ‘900 e captarne le concretezze, come le vetture dei tram elettrici.

By