Andrea Parola, pisano doc a Pisanews: “Sarà una bella emozione giocare contro la squadra della mia città. Pisa costruito per vincere il campionato, spero vada in B”

PISA – Oltre a Luca Tremolada, nelle file della Reggiana milita un altro ex nerazzurro, Andrea Parola, centrocampista della squadra emiliana alto cm.1,79 per kg.74,che ha cominciato dalle giovanile nerazzurre per poi giocare nel Pisa, in diversi periodi.

Inoltre ha giocato in compagini di prestigio quali Grosseto,,Triestina,bAscoli, Sampdoria, Cagliari, Novara, Piacenza e Nocerina, prima di approdare nella città del Tricolore, dove si trova da ben tre anni. Pisanews lo ha chiamato per sentire le sue sensazioni, in vista della gara contro la squadra della sua città, di cui è tifoso, ma che sabato dovrà cercare di battere.

20140919-065811.jpg

ANDREA PAROLA (foto zero-zero.it)

Andrea, piacere di averti su Pisanews, iniziamo dalla tua avventura a Reggio Emilia, come sta andando?

“Bene, è il terzo anno che sonoqui, ho avuto svariate vicissitudini, sono stato anche fuori rosa, ma poi ho ritrovato la fiducia.Direi che Reggio Emilia,oltre ad essere una bella città,è anche la mia seconda casa”.

E sabato vieni a giocare contro la squadra della tua città natale. Che emozioni provi?

“Eh si,csabato sarà una bella emozione, come pisano e poi pensa che in campionato, non ho mai giocato contro il Pisa.nCi ho giocato contro solo in Coppa Italia”.

Ecco da pisano dai un giudizio sulla squadra di Mister Braglia..

“Il Pisa è una squadra costruita per vincere e non vedo grandi rivali sul suo cammino. Spero sabato prossimo di trovarla in giornata storta poi dopo che avrà giocato contro la Reggiana, auguro alla squadra della mia cittá di vincerle tutte e di andare in serie B”.

Ma chi ti colpisce in particolare di questo Pisa?

“Ti dico subito che questa squadra, con l’organico che ha avrebbe fatto bene anche in serie B. Poi conosco diversi ragazzi con Massimo Paci ho giocato insieme nell’Ascoli in serie A, eravamo entrambi titolari, con Andrea Lisuzzo, invece sono stato nel Novara e vincemmo il campionato. Poi come avversari,p conosco Iori,Morrone,Mandorlini,Stanco,per averci giocato contro,giocatori dal valore indiscutibile”.

Nel tuo curriculum vanti anche un ‘esperienza all’estero…:

“Si, in Bulgaria, ed è stata una bella esperienza che ti aiuta e che mi ha permesso di giocare la Coppa Uefa”.

Senti Andrea, qualche hanno fa, su youtube si vide che affrontasti una discussione con un capo ultras, quando giocavi nel Piacenza, vuoi parlarcene?

“Purtroppo quello a Piacenza fu un anno dove non ci furono risultati, con una società inesistente, ed un gruppo di ultras piacentini vennero al campo dove ci allenavamo e se la presero con alcuni giocatori come Guerra e Guzman, ed io mi misi nel mezzo per difenderli, perché sono uno che non si tira indietro”.
.
Concludo chiedendo anche a te un opinione su questo “spezzatino” di date ed orari di Lega Pro, i tifosi non sono contenti, te cosa ne pensi?

“Posso immaginare che non siano contenti, perché giocando le squadre di sabato e di lunedi molti lavorano. Bisognerebbe, invece, tener conto che i tifosi sono i primi attori,dopo noi giocatori. Dall’altro lato può essere, quello delle televisioni e dei diritti televisivi, un bel servizio per dare piu visibilità a questa lega Pro,certo,a livello di organizzazione,questi orari e date,possono creare grosse problematiche sia per noi,per i tifosi e per le società”.

By