Alla “Domus Mazziniana” la presentazione del libro “Cristina Trivulzio di Belgioioso. Una bellezza assetata di verità” di Anna Maria Bernieri

PISA – Aperta solo in particolari circostanze, la Domus Mazziniana a Pisa (via Mazzini 71) sarà teatro, il 6 maggio alle ore 17.30, della presentazione del libro di Anna Maria Bernieri “Cristina Trivulzio di Belgioioso.

image

Alla presentazione Luigi Donolo, presidente del Comitato livornese per la promozione dei valori risorgimentali, e da Elena Sbrana, Editor della casa editrice MdS che ha curato la redazione del libro insieme all’autrice. Una bellezza assetata di verità”. Un luogo speciale per una protagonista d’eccezione del Risorgimento Italiano. L’evento si potrebbe definire quasi “un ritorno a casa”, la casa comune del Risorgimento, di cui Cristina Trivulzio fu straordinaria quanto misconosciuta protagonista.

Il libro di Bernieri ha il grande merito di rendere disponibile a un pubblico vasto un quadro completo della vita e del ruolo politico e intellettuale di Cristina Trivulzio. Scritto anche per rimediare alla dimenticanza della storiografia ufficiale, il libro di Bernieri ci mostra una donna che trattava da pari a pari con i massimi esponenti politici e intellettuali dell’epoca che le valse la definizione, data da Cattaneo, di “Prima donna d’Italia”. Il libro di Anna Maria Bernieri “Cristina Trivulzio di Belgioioso. Una bellezza assetata di verità”, pubblicato da MdS Editore, ci mostra una donna d’azione, una patriota, un’intellettuale. Una donna attenta alla condizione delle donne del popolo, scrittrice raffinata, giornalista e traduttrice. La sua vita, le sue scelte, i suoi scritti sono tutti connotati da una grande autonomia di pensiero. Il suo anticonformismo nell’occupare spazi riservati agli uomini, ha indotto generazioni di storici postrisorgimentali a liquidarla con giudizi a dir poco affrettati. Ma lei diede voce alle sue rivendicazioni oltre che con le parole, con i fatti. E riservò per sé un ruolo pubblico in una società in cui la presenza femminile era relegata tutta all’interno della famiglia, in una dimensione esclusivamente privata.

By