“Noi adesso Pis@”: voce ai cittadini

Pisa – Dopo il sopralluogo nella zona di via De Andrè al Calabrone, è stata predisposta una interrogazione a favore degi abitanti da parte di “Noi adesso Pis@”.

Dopo il sopralluogo Gennaio 2017 , il partito “Noi adesso Pis@” ha predisposto un’interrogazione, dando voce agli abitanti: sono stati richiesti interventi al fine di rendere vivibile il quartiere nella parte di strada che è chiusa da dei panettoni di cemento all’entrata.

Le domande più frequenti erano le seguenti: Via De Andrè fosse diventata strada comunale, quali vincoli sussistano ancora sulla via, se il tratto di Via De Andrè di fronte al condominio Le Navi abbia avuto il collaudo previsto, quando Via De Andrè verrà aperta togliendo i panettoni di cemento all’entrata e infine se sia possibile ridefinirne una viabilità con senso unico in entrata da Via De Andrè e in uscita da Via delle Mimose.

Le risposte dai vari assessori, funzionari e dirigenti del Comune sono giunte: la via De Andrè è stata acquisita al patrimonio comunale già in data 1 agosto 2013 e che sono in corso le procedure per il collaudo delle opere.

Le società Cooper 2000 e Consabit, soggetti attuatori, sono state contattate con una lettera il 16 gennaio 2017 ed invitate a voler eseguire i seguenti interventi di sistemazione entro 30 giorni dal ricevimento della lettera: completa asportazione delle erbe e piante infestanti le pavimentazioni dei marciapiedi e del camminamento pedonale con sfalcio delle aree attigue almeno sino alla linea di impianto dei pali di illuminazione pubblica; rimozione dei materiali residui da lavorazioni e della recinzione di cantiere tuttora in essere rimozione delle scatole elettriche dal sotto delle fioriere e isolamento del relativo cavo di alimentazione nel pozzetto di derivazione.

La fine degli interventi è quindi prevista entro il mese in corso e ad inizio del mese di marzo verrà verificato con sopralluogo quanto è stato eseguito.

“Siamo molto felici – commentano da Noi adesso Pis@ – di aver impresso con la Nostra azione puntuale una accelerazione degli interventi necessari alla vita degli abitanti, vigileremo che effettivamente vengano svolti i lavori e soprattutto chiederemo di nuovo che al momento del collaudo e dell’apertura si valuti lo schema di traffico da Noi proposto”.

By