Ac Pisa-Casa di Cura di San Rossore: ecco un altra nuova partnership

PISA – Dopo aver ufficializzato nei giorni scorsi la partnership con Toscana Aeroporti il Pisa ha presentato questa mattina un altro partner importante: la Casa di Cura di San Rossore. L’accordo è triennale il logo campeggera nel retro della maglia nerazzurra.

È stata presentata questa mattina nella sede di Montacchiello dal presidente Giuseppe Corrado 

di Giovanni Manenti

“Il mio rapporto con Andrea Madonna nasce prima rispetto alla trattativa vera e propria di acquisto della Società – esordisce il presidente nerazzurro Giuseppe Corrado. Già da allora si parlò di una possibile sponsorizzazione per la quale i tempi si sono solo un po’ allungati per altre priorità. Il contratto di sponsor per il momento è di tre anni, ma per noi lo consideriamo a vita. È un nostro motivo di orgoglio avere come sponsor due realtà importanti cittadine come Toscana Aeroporti e Casa di Cura San Rossore. Siamo orgogliosi di avere sponsor a livello locale, perché la Società è lo specchio di una realtà locale e siamo altresi consapevoli di essere un punto di riferimento a livello anche nazionale e non solo e ci auguriamo per l’anno prossimo di allargare i nostri orizzonti. Il presidente nerazzurro confessa: ” Non conoscevo la struttura della clinica, quando l’ho visitata mi sono meravigliato e spero che prima possibile la squadra possa essere all’altezza delle potenzialità della città. Corrado altresi spiega l’avvicinamento delle realtà cittadine al Pisa: “Forse prima non c’è stato da parte degli imprenditori un avvicinamento al Pisa poiché non vedevano progetti a medio lungo termine che li coinvolgesse in prima persona da cui ottenere ritorni in termini di visibilità. Ovviamente anche lo Stadio è importante in questa ottica e dobbiamo lavorare per far sì che, stante la posizione logistica, può essere punto di riferimento anche turistico e di valorizzazione del territorio. Il patron nerazzurro parla della squadra: “Purtroppo per le condizioni fisiche non siamo fortunati, Lisuzzo sta recuperando, per Landre ci sono alcune settimane di attesa, Avogadri ha ancora problemi, per Varela pensiamo ci vogliano ancora due o tre settimane prima di vederlo in campo, l’unico che è disponibile è Tabanelli”.

“Le cose nascono anche per simpatia progettualità e parlando in famiglia – dice Andrea Madonna – ci è sembrata una scelta giusta quando si vedono progetti, prospettive e programmi seri. La nostra famiglia non è mai stata vicina al Pisa Calcio, se non come sostenitori, ed in più fornendo servizi da quando abbiamo acquistato la Casa di Cura San Rossore. Da quando poi ho incontrato il Dr. Corrado – continua Madonna – è nata una intesa reciproca e la convinzione che il Pisa sia in buone mani è stata la mossa decisiva per convincerci a questa partnership”.

By