A Cittadella un tifo stoico sotto la pioggia per un punto d’oro

CITTADELLA (PD) – Altra trasferta per i tifosi nerazzurri alla ripresa del campionato cadetto, dopo la rocambolesca vittoria casalinga contro lo Spezia. L’entusiasmo della tifoseria pisana non conosce limiti ed anche nella trasferta di Cittadella hanno affollato il settore a loro riservato, malgrado la giornata di pioggia.


di Maurizio Ficeli


Fin dalla mattina l’autostrada che portava verso il Veneto era tutta un pullulare di auto, pullman e pulmini rigorosamente pavesati di vessilli nerazzurri e rossocrociati, che facevano da corona ai pullman dei club Nerazzurri, dal sempre presente “Club Autonomo” di Marco, Francesca e Sabrina Pavolettoni, con il quale noi della redazione di Pisanews abbiamo fatto il viaggio, fino al Centro Coordinamento di Liana Bandini e Daniele Paffi. Presenti i club non tesserati della magica curva nord, dai Kapovolti, agli Sconvolts ai Wanderers ed ai Rangers con tanto di striscioni e le bandiere, che offrivano un bel colpo d’occhio oltre alla poderosità dei cori che sovrastavano decisamente la tifoseria locale.

Con le due squadre scese in campo, ha inizio l’incessante rumba del tifo pisano. ‘Nerazzurro è il colore, che portiamo dentro al cuore”seguito da un “Siamo qui per te, devi vincere!! “Il Cittadella si fa insidioso anche se il Pisa risponde con qualche ripartenza mentre i tifosi incitano ancora “Forza Pisa lotta da ultras” a cui fa seguito il coro incessante e continuato “Forza Nerazzurri canterò, sempre al tuo fianco l’io sarò, canto, non mi stanco, forza grande Pisa facci un gol”. Vengono ricordati anche gli ultras diffidati “Diffidato ole, non mollare perche’, tutta quanta la curva è con te!!”.

La squadra palesa qualche difficoltà ma i tifosi aumentano i decibel del sostegno “Vinci per noi, la nord è qui con te” e “Quando in campo scenderài, non ti lasceremo mai, noi saremo sempre qua”.

Il Pisa prova a portarsi in avanti e là tifoseria insiste nell’incitamento “Alé alé ohoh, non ti arrendere mai, siamo sempre con te e mai ti lascerò”.

Siega al 27 va vicino al gol su traversone di Pinato, facendo gridare al gol ma la palla va di poco a lato ma la rumba del tifo non cessa. “Canto perché, tu sei l’amore più grande che c’è, combatteró e lotterò, ora è per sempre al tuo fianco sarò… “.

Pinato al 38′ si smarca sulla fascia e scocca un tiro in diagonale che finisce a lato ed il repertorio canoro dei tifosi nerazzurri aumenta “Tutti in coro canterem, forza Nerazzurri alé” ed il Pisa con De Vitis al tiro, si rende pericoloso. Il gol è nell’aria e si concretizza al 43′ con un cross di Birindelli raccolto da Pinato che spedisce in rete, mandando in visibilio i circa 600 tifosi pisani presenti nella curva nord del Tombolato che esplodono in un boato liberatorio.

Iniziano i secondi 45′ con la pioggia che si fa sempre più battente, ma neanche l’acqua riesce a spegnere il tifo nerazzurro “oh Pisa facci un gol, fallo per la nord”. Si continua con “E forza Pisa vinci per noi, noi non ti lasceremo mai”. La gara offre momenti di difficoltà per i nerazzurri con il Cittadella proteso in avanti alla ricerca del pari, i tifosi intuiscono le difficoltà della squadra ed aumentano ancora l’intensità del sostegno “Nerazzurri alé, lalalala’ohohoh” Ed al 30 della ripresa su rigore l’ex nerazzurro Manuel Iori segna la rete del pareggio per il Cittadella, ma la curva nerazzurra non demorde affatto “non ti arrendere mai, lotta e vinci per noi, siamo sempre con te, forza Pisa alé”ed il grido” Forza Pisa lotta da ultras”si fa ancora più alto. C’è molta sofferenza fino al termine ma il tifo pisano non si ferma e dopo 4 minuti di recupero c’e il fischio finale con la squadra che va a raccogliere gli applausi dei propri tifosi che, bagnati zuppi cantano “Noi siamo quelli della nord e non vi lasceremo mai”.. Una dedica meritata per una tifosieria eccezionale. Ed ora sotto con il Pordenone per conquistare la vittoria.

“FORZA PISA LOTTA DA ULTRAS”.

By