San Giuliano. Presentata ufficialmente la manifestazione di interesse per la gestione e la riqualificazione dei laghetti di Campo

CAMPO DI SAN GIULIANO TERME – Attraverso un assemblea pubblica molto partecipata, tenutasi mercoledì 22 Marzo alla Casa del Popolo di Campo, piccola frazione del Comune di San Giuliano, l’amministrazione comunale della città termale, rappresentata dall’assessore Daniela Vanni e dal consigliere comunale Marco Cecchelli hanno presentato ufficialmente un avviso esplorativo per la ricezione di manifestazione di interesse finalizzato alla gestione e riqualificazione dei laghetti di Campo.

 Il lavoro delle istituzioni è già in qualche modo partito. L’assemblea che ha avuto anche momenti accesi si è messa però a disposizione del Comune termale per presentare delle idee volte, oltre che alla riqualificazione, anche al riuso dell’area ex Cava di argilla e sabbia Donati, il quale ha risposto venendo incontro all’amministrazione comunale, presentando un progetto che è ancora al vaglio del Comune, ma molto interessante in fatto di investimento.

L’ex Cava Donati è situata all’interno di un’ansa del fiume Arno ed è caratterizzata dalla presenza di due grandi laghi artificiali separati da Via Viaccia e dalla presenza ad ovest di un altro Lago . Un area di forte valore ambientale e paesaggistico che molti turisti durante il corso dell’anno visitano, ma che per il momento è abbandonato a se stesso. L’obiettivo per il prossimo futuro è quello di farlo rivivere, per un sito che lascia ampi margini pe lo sviluppo di iniziative imprenditoriali e per la creazione di spazi comuni di pubblica fruizione, che possono solo fare bene al Comune di San Giuliano e soprattutto al turismo di nicchia. Molti atleti stranieri per esempio si allenano in quel tratto con assenza totale di servizi.

L’assessore Daniela Vanni durante l’assemblea pubblica ha molto sensibilizzato la cittadinanza affinché si studino delle idee per trasformare i laghetti in un luogo ricettivo per il turismo o dedito a svolgere un attività in quell’area, adesso completamente in disuso. Il termine ultimo della manifestazione di interesse scadrà inderogabilmente il 30 Aprile prossimo alle ore 12, Dopodiché l’amministrazione comunale vaglierà tutte le proposte inviate. L’appuntamento per fare il punto della situazione con i cittasini, che sfocerà in  un assemblea pubblica, è prevista per la seconda settimana di maggio.

A margine dell’assemblea pubblica abbiamo avvicinato l’Assessore Daniela Vanni, entrata in corsa all’interno della giunta Di Maio, campigiana doc, ha preso a cuore il progetto di riqualificazione dei laghetti: “Questo percorso lo vivo molto intensamente ed oltre ad essere un rappresentante della giunta Di Maio, che ha come obiettivo di mandato la riqualificazione dell’area dei laghetti di Campo, questo progetto per me rappresenta uno stimolo personale, perché vivo in questa frazione sin da piccola e ho tutto l’interesse per cui questo sito sia valorizzato, sia per il recupero di un area verde importante sia per il benessere delle persone che ci vivono”. L’Assessore Vanni torna poi sul primo incontro con i cittadini: “E’ stato il primo dei molti che faremo per lo sviluppo di questo progetto di riqualificazione. Attendiamo dai cittadini, che abbiamo sollecitato, sia proposte per rivitalizzare area, sia proposte a lungo termine per la definizione del progetto integrato area pubblico-privato per recuperare il sito. Abbiamo chiesto proposte concrete perché se riusciamo a mantenere l’area viva c’è anche il presidio da parte dei cittadini e quindi evitiamo gli episodi di rifiuti che si sono registrati recentemente e dall’altra parte abbiamo chiesto la collaborazione per rendere questo processo partecipato, che sia gradito alla popolazione e condiviso dall’amministrazione che intende realizzare quello che verrà proposto dai cittadini, dando peso all’attività naturalista

Nella riqualificazione dell’area, c’è già un progetto al vaglio dell’amministrazione comunale presentato da Massimo Donati: “Abbiamo chiesto la collaborazione di Donati e siamo contenti della sua proposta, che ha raccolto le nostre indicazioni, con funzioni interessanti e con un focus sulla parte turistica e ricettiva che rappresenta il punto zero di questo progetto“.

By