Assemblea molto partecipata all’Hotel La Pace. Le proposte di ConfCommercio per cambiare le cose in zona stazione e nel centro cittadino

PISA – E’ stata massiccia la partecipazione di cittadini e commercianti all’assemblea pubblica indetta da ConfCommercio Pisa dal titolo #stazionesicura “Riqualificare la porta di Pisa è possibile”, che si è svolta lunedi 20 Marzo all’interno dell’Hotel La Pace. Il direttore Federico Pieragnoli e il presidente Federica Grassini hanno ascoltato le lamentele e le varie proposte dei cittadini, in cerca di soluzioni per mettere fine al degrado, all’abusivismo e alla violenza nella zona stazione e nel centro storico, problema che attanaglia la nostra città ormai da qualche tempo.

di Antonio Tognoli

Troppo forse, per i residenti che ci abitano e per i turisti che vi passano ogni giorno (sono quasi diciotto milioni ogni anno) e che convivono con il degrado e gli schiamazzi notturni. I commercianti sono sicuramente penalizzati dalla presenza dei minimarket in pieno centro.

La riunione di questa sera – dice la presidente di ConfCommercio Pisa Federica Grassini – nasce dall’invito dei cittadini e ha trovato in noi grandissimo entusiasmo. Rimaniamo esterefatti dalla situazione del quartiere delle condizioni del centro storico e ci chiediamo voi che lo vivete tutti i giorni come fate a sopportare questa situazione. Detto questo cercheremo di lavorare per migliorare questa situazione che si è fatta pesante giorno dopo giorno. E pensare che è stato fatto poco pochissimo, neanche i servizi nazionali in tv e la presenza di Striscia La Notizia è servita a risolvere la situazione. Sono state fatte ordinanze anti bivacco per due strade del centro storico. Troppo poco. A che cosa servono? Siamo di fronte ad un amministrazione statica che fa poco per cambiare. La verità è che molti posti sono occupati per non turbare gli equilibri della maggioranza politica con persone che si ritrovano in ruoli che non gli competono. Noi per quello che possiamo fare come associazione di categoria cercheremo di ottenere il massimo e lavorare già da domani sulle proposte da noi avanzate, ascoltando i problemi di chi vive la realtà quotidiana della zona stazione e del centro storico”.

Dobbiamo far ripartire la porta di accesso alla città – ha detto Federico Pieragnoli – non si può continuare così, il centro cittadino ha bisogno di cambiare. Come ConfCommercio non abbiamo poteri decisionali e di questa riunione non vogliamo farne una questione politica. Noi rappresentiamo imprenditori, studi professionisti e i commercianti. Abbiamo richiesto la presenza dei cittadini per pensare a delle alternative fattibili e lavorarci sopra già dalle prossime ore. Le cose che stiamo pensando di fare e abbiamo buttato giù, siamo sicuri che se c’è la volontà si possono fare“.

LE PROPOSTE DI CONFCOMMERCIO PISA. Ecco le proposte avanzate da ConfCommercio Pisa per risolvere la situazione di abusivismo e di degrado, che si è venuta a creare nella zona della stazione e del centro storico.

Il Rispetto degli impegni presi in più occasioni da Prefetto e Sindaco per “liberare” il quartiere da un estesa ed eclatante situazione di criminalità tale da attirare l’attenzione dei media nazionali

Urgente e necessario organizzare un presidio di forze dell’ordine dinamico ed efficace, contrariamente all’attuale, prevalentemente statico

L’associazione di categoria chiede l’applicazione del Daspo Urbano sulla scia di quello che è stato fatto a Firenze

L’impiego efficace e quotidiano della Polizia Municipale per interventi di sicurezza e decoro a tutela di tutti i turisti colpiti da furti e borseggi

Chiusura dei minimarket in zona stazione e nell’intero centro storico alle ore 21. Per chi non rispetta le regole come orari licenze merceologiche e le normative di sicurezza ConfCommercio chiede l’immediata chiusura.

Trasferimento della Questura nell’ex Palazzo della Provincia e gli Uffici della Polfer dovrebbero affacciarsi in futuro su Piazza della Stazione

Il bisogno di studiare una tariffa annuale per permettere a chi lavora nel quartiere di poter parcheggiare agevolmente l’auto nel centro cittadino

LE RICHIESTE DEI CITTADINI. Molte le richieste  e i problemi avanzati dei cittadini durante  l’assemblea pubblica di ieri sera, lunedì 20 Marzo all’Hotel La Pace, tra cui la chiusura anticipata dei locali che somministrano bevande alcoliche intorno alla stazione. Tre giovani hanno denunciato lo stato di criticità di Via Amerigo Vespucci, nei pressi del Bar Taormina, dove lo spaccio e il consumo di droga è molto frequente ogni giorno”.

Il degrado del centro cittadino non è passato in secondo piano: “Oltre ai soliti problemi, la zona Stazione presenta delle buche nei marciapiedi che vanno ripristinate“, dice un cittadino, che prosegue: “Il Ponte di Mezzo è stato violentato, il bitume ha sostituito i sampietrini. Una vergogna!“.

 

 

By