Canale Incile, la scheda tecnica. Tra i prossimi lavori il nuovo ponte su via Livornese

PISA – Vediamo nel dettaglio le convenzioni, i lavori, la scheda tecnica del Canale Incile con i prossimi interventi.

La convenzione. Il progetto della riapertura del Canale Incile, il collegamento tra l’Arno e il Canale Navicelli volto a ripristinare la navigabilità dal centro di Pisa al porto di Livorno, rientra nell’accordo sottoscritto tra la Società OLT Offshore LNG Toscana, la Provincia e il Comune di Pisa, a titolo di compensazione per la realizzazione del rigassificatore al largo delle coste tra Livorno e Pisa. L’accordo per la riapertura del Canale è stato firmato in data 28 novembre 2011.

Le attività Bonifica del Canale. Si è trattato di un intervento preliminare, di carattere ambientale, finalizzato all’asportazione di acque e fanghi dal tratto di Incile dell’Arno attualmente esistente. L’attività è iniziata a luglio 2013 e si è conclusa ad agosto 2014, con un costo complessivo di circa 500.000,00€.

Lavori di completamento del Canale. Gara pubblica affidamento lavori Incile (D.Lgs 163/2006 e Regolamento 207/2010)
– Committente: OLT Offshore LNG Toscana
– Proprietario: Comune di Pisa
– Gestore: Società Navicelli SpA
– Importo complessivo a base di gara: 4.818.576,00 €, di cui 228.576,00 € relativi agli oneri della sicurezza non soggetti a ribasso e 40.000,00 € relativi ai servizi di progettazione.
– Assegnazione appalto ad un’ATI con capogruppo l’Impresa Lavori Ingg. Umberto Forti & Figli S.p.a. (ribasso del 10,62%).

Tempistiche. Inizio lavori: 1 settembre 2014. Fine lavori: seconda metà 2016. Lavori realizzati ad oggi: il 75%, per un importo (sulla base dei SAL) di circa 3.530.000,00 € (3.030.000,00€ per i lavori del canale e 500.000,00€ per la bonifica dello stesso).

Il cronoprogramma e lo stato dell’arte dei lavori. Sono stati ultimati i lavori della macrofase allo sbocco in Arno, comprese le operazioni di collaudo statico della porta arginale e dei panconi, nonché la realizzazione della massicciata arginale a protezione idraulica dello sbocco. Sono state ad oggi installate anche le altre due porte vinciane all’interno del canale, andando così ad ultimare la realizzazione delle due concate di navigazione. Per quanto riguarda la viabilità del Canale, sono state realizzate due conche di circa 80 metri ciascuna, di larghezza massima di 11,50 metri. I livelli di navigabilità sono compresi tra -1,00 metri e +2,50 metri (livello minimo e massimo) rispetto allo zero medio canale (dettato dal livello Navicelli-mare). Il livello di allerta imposto dall’Autorità di Bacino è pari a +6,20 metri (massima piena del fiume Arno). Secondo il regolamento di navigabilità, in redazione da parte della Navicelli SpA, le dimensioni massime consentite per i natanti ammessi al transito sono: lunghezza f.t. m. 50,00; larghezza m. 9,00; immersione a p.c. m. 1,70. Il passaggio dei natanti sarà garantito da un sistema semaforico sito su via II Settembre, in corrispondenza del ponte girevole (già collaudato), sulla base del regolamento della Navicelli. In accordo con il Comune di Pisa, il traffico veicolare sarà dirottato su via Maragone e via Livornese.

Prossime lavorazioni. Tra le prossime lavorazioni vi sono il ponte su via Livornese – i cui lavori saranno avviati entro la fine di aprile e la cui ultimazione è prevista dopo l’estate – e la viabilità connessa, già agibile.

By