“Toscana 100 Band” i premiati della prima edizione. Dieci le Band pisane

PISA – Eccoli i 108 premiati della prima edizione di “Toscana 100 Band” , uno dei venticinque punti del programma di governo del presidente Rossi annunciati l’anno scorso in campagna elettorale, un’iniziativa che si inserisce all’interno del più ampio progetto Giovanisì: per loro un assegno fino a 5000 euro e cinquanta ore di corso di formazione con esperti ed addetti ai lavori. Si parte con la fiorentina Bàkira (al secolo Erika Boschi), prima con il suo jazz venato di bossa e suggestioni tropicali, fino ad Alice, senese, un’impronta pop rock e centottesima. Dodici le Band premiate a Pisa.

Ecco le dieci band pisane premiate.Dario Ferrante, Fricat, Manu Phl, Hedra, Danny Bronzini, Piet Mondrian, Betta Blues Society , Sonalastrana, La Polvere, Motta, Motofides

“La musica indipendente è una grande risorsa della Toscana. Intreccia culture e legami e forma le nuove generazioni. Le giovani band sono tante, ma incontrano difficoltà. Con questa iniziativa rivolta ai giovani musicisti fino a 35 anni abbiamo provato a dare alcune risposte” commenta il presidente della Toscana Enrico Rossi.

“Gruppi e solisti si sono fatti avanti con entusiasmo, presentando quasi settecentocinquanta originali progetti musicali – aggiunge la vice presidente ed assessore alla cultura, Monica Barni – Era un’occasione da non perdere e non l’hanno persa. Li aiuterà a crescere ma crescerà anche la società in cui vivono e suonano. Non è stato possibile premiarne più di un centinaio, ma voglio comunque ringraziere tutti coloro che hanno partecipato”.

Il bando per le selezioni si era aperto a fine dicembre e in cinque settimane, fino al 29 gennaio, in 747, gruppi e solisti, si sono fatti avanti. Oltre un quarto delle proposte musicali è arrivato dalla città metropolitana di Firenze, quasi il 15 per cento da Livorno e poco meno da Pisa e Lucca, poi Arezzo (9,7%), Siena (6,6%) e gli altri. Tutte e dieci le province erano rappresentate. Tra i premiati ben piazzate sono Firenze ma anche Pisa, Livorno e Arezzo. Naturalmente la musica (come l’arte in genere) non ha confini e ci sono anche gruppi dove i componenti arrivano da territori diversi della Toscana, contro qualsiasi campanilismo.

Sul sito toscana100band.it ma anche sul portale Giovanisì e su quello della Regione Toscana saranno pubblicati i nomi di tutti i premiati; per trasparenza ci sarà anche la graduatoria di chi è rimasto fuori, dal 109esimo posto in poi.

By