Il doppio ex. Gael Genevier: “Il Pisa sta meglio del Siena, ma per i nerazzurri sarà una gara complicata”

PISA – Dopo il pareggio in quel dell’Aquila, che ha lasciato un po di rammarico nella tifoseria pisana a causa dei gol ingiustamente annullati ai nerazzurri gli uomini di Mister Gattuso sono attesi da una difficile trasferta all’Artemio Franchi di Siena, contro una squadra, quella bianconera, contestatissima dai propri supporters e che vorrà riscattare la debacle esterna di Aprilia contro la Lupa Roma. A tal proposito abbiamo intervistato un doppio ex che ha lasciato il cuore sia nella tifoseria senese e sia in quella nerazzurra pisana. Sì tratta di Gael Genevier ,centrocampista di origine francese che adesso milita nel Lumezzane.

di Maurizio Ficeli

Ciao Gael e ben ritrovato su Pisanews: partiamo subito dalla tua avventura nel Lumezzane, come sta andando?

“Direi che sta andando bene, siamo riusciti a riprenderci dopo due cambi di allenatore ed ora con Mister Filippini le cose stanno andando per il verso giusto, bisogna cercare di continuare così è raggiungere la salvezza prima possibile, dopo di che tireremo le somme di questa stagione”.

Che differenza riscontri fra il girone di Lega Pro nel quale militi e gli altri due?

“Agli altri ho dato solo un occhiata, di questo girone in cui milita il Lumezzane, posso dirti che è difficile, composto da molte squadre fortissime, una decina, che lottano per la vetta, con qualcuna di queste che ha deluso. Poi ci son squadre certamente meno forti che lottano per salvarsi. Insomma un girone “spaccato in due”.

Ma hai avuto modo di seguire sia il Pisa e sia il Siena, tue ex squadre, che giovedì prossimo si affronteranno in una gara difficile all’Artemio Franchi?

“Sì certo il Pisa lo seguo sempre, anche attraverso le informazioni di amici pisani che frequentano l’Arena .Va a giocare una gara difficile contro il Siena e certamente non può sbagliare, anche in vista della prossima partita casalinga contro la Spal di contro il Siena ce la metterà tutta per riscattarsi dopo la sconfitta pesante in terra laziale e dopo la contestazione subita dai tifosi. Se il Pisa dovesse perdere questa gara penso che la promozione diretta a quel punto sarebbe appannaggio della Spal, se invece i nerazzurri riescono ad arrivare allo scontro interno con i ferraresi alla stessa distanza di adesso, per gli emiliani ciò potrebbe diventare un problema. Si, è vero che il Pisa ha a suo favore un solo risultato su tre, però è anche vero che giocare all’Arena, con il calore del pubblico pisano, non è semplice per nessun avversario”.

La gara fra Siena e Pisa di giovedì come te la immagini?

“Sicuramente quella con il Siena, sarà una gara sicuramente difficile per gli uomini di Gattuso, in quanto i bianconeri dovranno cercare di riscattarsi, dopo la sconfitta pesante di Aprilia, quindi sinceramente, una partita come questa, per il Pisa, non arriva al momento giusto, comunque, nel calcio, niente è facile e scontato e poi il Pisa sta molto meglio del Siena ed è in grado di portare a casa i tre punti”.

Una vittoria nerazzurra in terra senese creerebbe un entusiasmo incredibile in vista della gara clou interna con la Spal non pensi?

“Certo, se il Pisa dovesse espugnare il Franchi, posso sicuramente immaginarmi quale pubblico farà da cornice alla gara contro i biancazzurri emiliani e Pisa francamente è una piazza che merita qualcosa in più”.

Che ricordi hai della tua militanza calcistica all’ombra della Torre Pendente?

“Oltre a sentirmi con diversi giocatori di quel periodo, ci son stati tantissimi momenti belli lì da voi, che elencarne solo qualcuno mi parrebbe riduttivo”.

Hai mai pensato a tornare a Pisa?

“Certo, mi farebbe piacere un giorno poter tornare a Pisa e rivedere tanti vecchi amici”.

By