Presentato il progetto “Pisa Football College”. Il DT sarà Alessandro Birindelli

PISA – È stato presentato all’interno della Sala Baleari del Comune di Pisa il nuovo progetto del settore giovanile del Pisa 1909 denominato “Pisa Football College Sotto la Torre si diventa campioni! Dentro e fuori dal campo

A dar battesimo a questa iniziativa il presidente dell’Ac Pisa 1909 Fabio Petroni, il Dg Nerazzurro Fabrizio Lucchesi, il Sindaco di Pisa Marco Filippeschi, il Magnifico Rettore dell’Università di Pisa Riccardo Augello e l’Avv. Vincenzo Taverniti. Assente per motivi di lavoro L’Ad di Toscana Aeroporti Gina Giani. Ha moderato l’incontro il giornalista di 7 Platinum Giorgio Micheletti. Il progetto Pisa Football College sarà presentato ufficialmente anche a Roma nella Sala Europa martedì 22 Marzo, con il nuovo inno e il nuovo sito internet del Pisa 1909 www.acpisa1909.it

Il Presidente del Pisa 1909 Fabio Petroni spiega il progetto: “Questo progetto parte da lontano, circa quattro anni fa e farà vivere ai ragazzi lo sport come deve essere vissuto. Lo sport deve esser cultura e lo dovrà essere sempre più se si vorrà andare avanti. Vogliamo valorizzare le eccellenze pisane collegandole al nostro progetto. Non sarà possibile frequentare il College se non si studierà e ci saranno dei tutor che seguiranno i ragazzi. L’obiettivo è far diventare Pisa la Cambridge dello Sport. Il Pisa Football College dovrà crescere un po’ come ha fatto l’Aeroporto di Pisa. Proporre un modello positivo ripreso in altre città. L’internazionalità del progetto sarà importante come quella di far svolgere la scuola calcio integralmente in inglese ai ragazzi aiutando il sistema scolastico e rafforzando la seconda lingua. Abbiamo preso contatti con Rangers Glasgow River Plate, i giovani più meritevoli verranno mandati a fare stage con queste sue società”. Il costo per chi vuol partecipare al College sarà ridotta, 300 euro mensili per i residenti e 1200 per i non residenti, che comprenderanno vitto, alloggio, corso di inglese e allenamenti in inglese, varie attività culturali, cibo biologico, abbonamenti allo stadio e tutor che seguiranno i ragazzi e saranno referenti per le loro famiglie. I ragazzi disporranno di cibo del territorio che permetta loro di avere uno stile di vita sano e sarà messa anche a disposizione dalla Paim una borsa di studio che aiuterà coloro che non potranno permettersi di sostenere la spesa della retta mensile”.

Parola al Magnifico Rettore dell’Universita di Pisa Dott. Augello che con le sue parole consolida il rapporto di collaborazione tra Ac Pisa 1909 e Università di Pisa: “Questo progetto è una sfida ed ho subito accettato di buon grado di essere partecipe e collaborare con il Pisa 1909. L’Università deve essere al fianco del territorio e movimentare passione e interesse così come noi stiamo facendo con la società nerazzurra”.

Il nuovo direttore tecnico del Pisa Football College e’ Alessandro Birindelli: “Ho accettato con grande onore, credo nei giovani e nell’educazione dello sport crescere in un ambiente sereno e nel rispetto delle regole sia fondamentale. Queste componenti e la conoscenza con Fabrizio Lucchesi hanno fatto sì che la mia scelta cadesse su questo progetto. Questo tipo di progetto in altri paesi è già stato messo in pratica e permette di essere più motivati e attenti. Non si può partire con un idea se non se ne è convinti. Siamo già in contatto con diverse società e persone. In base a questo progetto ci siamo preparati, ogni istruttore avrà un gruppo di giocatori ogni polo di addestramento avrà un campo a disposizione. Tra qualche giorno renderemo ufficiali alcuni accordi con qualche campo della città. Francia, Belgio e Germania stanno già adottando questo progetto ormai da dieci anni. Con due ore di studio e due ore di calcio i risultati scolastici sono molto più alti”.

Aveva aperto la presentazione del Pisa Football College il padrone di casa il Sindaco di Pisa Marco Filippeschi: “Devo riconoscere che il progetto è innovativo e coraggioso, che può qualificare i protagonisti della società e anche la città che ha la possibilità di vivere bene a giovani che vogliono impegnare parte della loro vita. Una sfida coraggiosa. Accessibilità della città facilita questo progetto in quanto a Pisa e’ facile beneficiare di collegamenti low cost con soggiorni accessibili per tutti”.

By